il network

Mercoledì 12 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


SONCINO. DAL 15 AL 30 SETTEMBRE 2018

Nel borgo musei all’aperto nelle aree verdi

Primo test a settembre nel ‘bosco urbano’: expo di opere contemporanee

Nel borgo aree verdi musei all’aperto

Demis Martinelli

SONCINO - Prima una expo di Demis Martinelli, poi un progetto che riguarda tutto il paese e parte dal bosco urbano e da oggi tutta la città murata potrebbe addirittura diventare un museo di arte moderna. Come Pietrasanta, in Toscana, ma all’ombra di una rocca medievale. Al centro di tutto il ‘Macbus’, che tutti oggi conoscono come il boschetto di piazza Nassiriya.

Dal 15 al 30 settembre 2018 a Soncino il maestro del ferro espone decine di opere tra bar, ristoranti, musei e monumenti. Una expo colossale, la più grande mai vista nel borgo. Ma la sorpresa non si ferma qui: tra le tappe di ‘Invasioni Emozionali’, c’è il ‘Macbus’. Cosa sia, è lecito chiederselo. Pronta la risposta, con l’aiuto della consigliera Roberta Tosetti, responsabile della cultura: «Abbiamo parlato con Martinelli di un suo progetto ambizioso che ci è piaciuto moltissimo. Dopo la expo si pensa di trasformare il bosco urbano in un museo d’arte a cielo aperto (il Macbus, appunto ndr). E’ un’idea che deve passare anche dal consiglio e dalla burocrazia, certo, ma se prendesse piede perché non estendere questo concetto a tutto il paese».

Un’intera città dedicata all’arte, insomma. E le basi ci sono già: nel corso della passata biennale i muri grigi del parchetto sono stati dipinti e trasformati in ‘tele’. ‘Invasioni Emozionali’ sarà quindi un banco di prova per qualcosa che turisti e soncinesi sognano da anni. Tra gli altri luoghi d’interesse (e forse futuri musei) che ospiteranno le sculture di Martinelli ci sono anche: piazza Manzoni, il Portico Rosso, i giardini di Via Zanardi, il Cicero, La Pedrera, Casa Stampatori, la filanda, i ‘Cinque Frati’ e tanti altri gioielli del borgo ‘artistico’.

03 Agosto 2018