il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Profughi, in sei se ne vanno e ne arrivano altri nove

Attesi per lunedì, oggi sono 134 quelli in carico alla Casa dell'Accoglienza

Profughi, in sei se ne vanno e ne arrivano altri nove

Don Antonio Pezzetti

CREMONA - Continua l'emergenza profughi a Cremona. Per lunedì 22 settembre sono attesi in città altri nove migranti (tre dei quali verranno destinati a Capralba) che si vanno ad aggiungere a quelli giunti nell'ultima settimana. A fronte di questi nuovi arrivi, sei persone (quattro siriani e due palestinesi) hanno lasciato la Casa dell'Accoglienza nella mattinata di sabato 20 settembre.

Don Antonio Pezzetti - responsabile della Caritas diocesana - ha confermato i nuovi arrivi e anche la condizione di ormai cronica difficoltà della struttura di via Sant'Antonio del Fuoco che è da sempre in prima linea nell'accoglienza. Ad oggi le persone in carico alla Caritas sono 134.

Il dramma dei migranti, che sbarcano in continuazione sulle nostre coste, è destinato ad incrementare ulteriormente la situazione di emergenza. Dalla prefettura, infatti, fanno sapere che vi sono migliaia di profughi che dovranno essere collocati in tutta la Lombardia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

20 Settembre 2014

Commenti all'articolo

  • arcelli

    2015/04/17 - 01:01

    sto pirla è colui che ha insozzato e rovinato Cremona per ingrassare le sue tasche e quelle della Caritas................ma vattene in Africa te vah

    Rispondi

  • They

    2014/09/21 - 09:09

    Ok, stiamo assistendo centinaia di migliaia di profughi più o meno disperati, ma la domanda è: che futuro per loro e per noi? Lavoro non c'è né, soldi ancora meno, le pensioni oramai te le danno quando hai un piede nella fossa. Se passate davanti alla casa dell'accoglienza vedrete questi giovanotti di colore ben vestiti che mangiucchiano qualche cosa e come si suol dire cazzeggiano. I governi come pensano di impiegare nel futuro questa marea di persone? Secondo me tra qualche anno saremo noi a livello Africa sub-saariana.

    Rispondi

  • Franco

    2014/09/21 - 09:09

    Buongiorno, voglio esprimere tutto lo schifo che provo contro chi promuove e consente questa abominevole situazione e la vergogna che provo come Italiano a vedere la mia città e il mio paese sfruttano e impoverito da queste orde di nullafacenti che, da clandestini o meno, sfruttano ogni nostra anche più piccola risorsa, consentendo ad altri ignobili soggetti di arricchirsi.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000