il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Petardi contro il carcere, indagini sugli autonomi

Presidio degli antagonisti solidali con i detenuti, Digos al lavoro

Petardi contro il carcere, indagini sugli autonomi

CREMONA - Prima il presidio. Poi i petardi lanciati contro e oltre il perimetro del carcere, in prossimità di alcuni manufatti, e gli agenti subito mobilitati per individuare, uno per uno, gli autori di quei lanci. E’ questione di ore e potrebbero scattare almeno una mezza dozzina di denunce per quel che è accaduto sabato pomeriggio presso la casa circondariale di Cà del Ferro durante dove il sit-in imbastito dagli antagonisti solidali con i detenuti.

Secondo quanto ricostruito nelle scorse ore dagli agenti della questura, lungo il perimetro del carcere di via Palosca sono arrivati non meno di quaranta persone, tutti esponenti dell’autonomia. In alcuni casi si tratta di aderenti ai centri sociali autogestiti, anche provenienti da varie città del Nord Italia, in particolare l’area milanese. All’arrivo dei manifestanti, le forze dell’ordine erano già pronte a tenere sotto controllo la situazione. Dopo un po’ la tensione è cresciuta e si è arrivati al lancio dei petardi. Uditi da tutto il personale del carcere e dalla gran parte dei detenuti, i boati hanno subito fatto scattare l’innalzamento delle misure di sicurezza nella casa circondariale e portato alle grate decine di reclusi. Nel contempo, le forze dell’ordine, e in particolare gli agenti della Digos, hanno raccolto il maggior numero di informazioni, anche tramite filmati e foto, per capire chi stava dietro il lancio di petardi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

07 Settembre 2014

Commenti all'articolo

  • xxx

    2014/09/07 - 23:11

    io mi domando.....quanto tempo deve passare prima che si mettano fuorilegge questi centri sociali formati esclusivamente da gente anarchici-filocomunisti.......????????????

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000