il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Province in pensione, dirigenti premiati con 123mila euro

Si tratta della retribuzione di risultato che fa parte del compenso dei manager pubblici: ecco tutti i premi

Province in pensione, dirigenti premiati con 123mila euro

CREMONA - Nell'anno in cui le Province vanno in pensione, gli 11 dirigenti (esclusi il direttore generale e il segretario) di corso Vittorio Emanuele si distribuiscono un premio complessivo di 123mila euro. Una somma frutto degli alti voti assegnati.

Il compenso dei manager pubblici è formato da stipendio, indennità di posizione e retribuzione di risultato. E' all'ultima voce che ci si riferisce in questo caso. Come sempre, il nucleo di valutazione dell'amministrazione provinciale (vale lo stesso per il Comune e gli altri enti) ha dato le 'pagelline' ai dirigenti per il 2013. Per ognuno un giudizio articolato e assegnato in base al alcuni criteri: risultati individuali, performance d'area, performance organizzativa e comportamenti organizzati.

DIRIGENTI PREMIO
   
Rinalda Bellotti
(Appalti e legale - ad interim)
10.156
Rinalda Bellotti
(Risorse umane, salute, sicurezza)
12.554
Dario Rech
(Agricoltura e ambiente)
11.159
Andrea Azzoni
(Agricoltura e ambiente)
11.760
Gianfranco Antonioli
(Risorse economiche e finanziarie)
10.156
Rossano Ghizzoni
(Patrimonio e provveditorato)
10.134
Maurizio Rossi
(Pianificazione territoriale e trasporti)
9.400
Patrizia Malabarba
(Programmazione operere e servizi amministrativi)
12.119
Patrizia Malabarba
(Manutenzione e sviluppo rete stradale - ad interim)
8.239
Roberto Zanoni
(In staff direzione generale)
5.517
Mara Pesaro
(Strategie per lo sviluppo)
11.002
Antonello Bonvini
(Urp e servizi interni)
10.156

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

15 Luglio 2014

Commenti all'articolo

  • gianfranco

    2014/07/16 - 22:10

    incarichi inutili, giustificano premi inutili, dati a gente che prende stipendi non adatti a giustificare gli sprechi e l'inutilità di certi enti , poltrone che girano da un candidato all'altro, se le scambiano come le figurine solo che non sanno di cosa si stanno occupando, ma prendono stipendi da calciatori.

    Rispondi

  • Arcangela

    2014/07/16 - 12:12

    Ricordo a tutti che solo ieri il debito pubblico italiano ha di nuovo sfondato il livello massimo mai raggiunto. Insomma, un record dietro l'altro. Ma con tutte le tasse che si pagano da 15 anni a questa parte, dove vanno i soldi visto che il debito continua a crescere? Quante province ci sono in Italia? I cremonesi non sono certo peggio degli altri... ecco tutto. E nessuno dei premiati, state pur sicuri, prova un benché minimo di senso di colpa. Anzi: li hanno premiati perché bravi... no? Per toglierci di dosso - parlo come contribuente - tutta questa gente e tutti questi privilegi immotivati c'è solo un modo: fallire come Stato, fallire come paese e basta. La politica non interverrà mai su questi che, probabilmente, non sono lì per puro caso... Meglio fallire ITALIA, e sperare che dal fallimento possa nascere una sensibilità civica e nazionale nuova.

    Rispondi

  • marco

    2014/07/16 - 11:11

    bisognerebbe eliminare qualsiasi premio anche nel privato, una persona lavora ed è giusto che sia retribuita, il premio non ha alcun senso, si firma il contratto e la retribuzione, il premio per cosa? quali sono i criteri per stabilire il premio? risparmi ottenuti? che sviluppo ha avuto la provincia di cremona in quest'anno? specialmente nel pubblico è una presa per i fondelli per chi paga le tasse e le imposte , a queste persone che pagano regolarmente i tributi andrebbero dati gli eventuali premi. in questa italia che affonda credono ancora nello stato , nonostante tutto, gente che si alza di notte per andare a lavorare, pensionati a 500 euro al mese, queste sono le persone da premiare, non gli emeriti portaborse pubblici che ad ogni cambio di amministrazione hanno la tesserina giusta. gente senza nessuna dignità morale e sociale , complimenti sia al centro destra che al centro sinistra cremonese sono davvero uniti nell'unico punto programmatico spartirsi soldi pubblici.

    Rispondi

  • albina

    2014/07/16 - 10:10

    Sicuramente si godranno della buone vacanze............ alla faccia di che non riesce ad arrivare alla fine del mese con lo stipendio. Albina

    Rispondi

  • They

    2014/07/16 - 07:07

    Ecco un esempio di furto legalizzato

    Rispondi

Mostra più commenti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000