il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Autovelox via Persico, ora ricorso al Tar

Il comitato si è costituito ufficialmente, presidente Zagheni, avvocati Nicoli e Balzarini

Autovelox via Persico, ora ricorso al Tar

Zagheni, Nicoli e Balzarini

CREMONA - Si è costituito ufficialmente - nel corso di un assemblea in piazza Roma, nel cuore di Cremona, martedì 8 luglio - il comitato 'Sposta l'autovelox'. Sarà presieduto da Massimiliano Zagheni (in prima linea nelle recenti battaglie contro il rilevatore di velocità di via Persico) e si avvarrà degli avvocati Gian Andrea Balzarini e Massimo Nicoli.

E' stata illustrata la strada da percorrere. Con ogni probabilità verrà proposto un ricorso al Tar, per contestare la posizione - ritenuta "illegittima" - dell'autrovelox fisso di via Persico. I rappresentanti del comitato, inoltre, non sarebbero intenzionati a presenziare all'incontro, con oggetto il rilevatore di velocità, convocato in Comune per giovedì 10 luglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

08 Luglio 2014

Commenti all'articolo

  • Andrea

    2014/07/09 - 00:12

    L'essere umano in continuo conflitto tra opportunismo e stupidità mostra tutti i suoi limiti....

    Rispondi

  • Giandavide

    2014/07/08 - 22:10

    Buonasera, sono una delle vittime dell'autovelox di Via Persico; premetto che se non avessi vissuto il problema in prima persona avrei un approccio scettico, ma voglio condividere la mia esperienza per cercare una spiegazione: ho 51 anni, sono un guidatore da circa 34000 chilometri/anno. In questi 33 (+2 di patente A) anni ho preso due multe per eccesso di velocità, di qualche Km (in un caso 1!) superiore ai 50. Questo giugno sono riuscito a prenderne 6 in via Persico a folli velocità che oscillano tra 55 a 60 Km/h per un esborso totale di quasi 300 Euro (e temo non sia finita). Passo poche volte alla settimana da quella strada, utilizzo due autovetture con contachilometri digitali (ed una con il regolatore/limitatore), sono piuttosto attento, ma questo non è servito ad evitare le multe. Mi domando: è spiegabile tutto ciò solo con la distrazione umana? Non è che forse lo strumento sia adatto per rilevare infrazioni a velocità superiori e quindi non accurato a basse velocità? DADE#230

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000