il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SORESINA

Ladri in azione domenica 15 giugno da 'Passione pesca'

Rubati canne, mulinelli, esche e ami per 8 mila euro.

Ladri in azione domenica 15 giugno da 'Passione pesca'

La serranda abbassata da Passione Pesca, il negozio svaligiato a Soresina

SORESINA — Aperto da tre settimane e già svaligiato. Non esattamente un messaggio di benvenuto quello ricevuto dal titolare di ‘Passione Pesca’, il negozio che si affaccia su via IV Novembre, sotto il condominio Fernanda. Domenica notte 15 giugno i ladri gli hanno portato via quasi tutto: canne di ogni modello, esche, ami, mulinelli ed elastici. Un bottino, così almeno l’ha stimato il proprietario, di poco inferiore agli 8mila euro. L’intrusione è partita dall’unico ingresso del locale: la vetrina fronte-strada. Forzata la saracinesca, la gang ha praticato un buco di dimensioni contenute ma comunque sufficiente, per una persona agile e di corporatura minuta, a entrare nella rivendita. Nessuno fra residenti o passanti ha visto nè sentito niente, e con tutta calma i malviventi hanno potuto caricare, presumibilmente su un furgone, tutta la refurtiva. Da allora, e sono passati ormai tre giorni, il negozio non ha più aperto. Esposto alla vetrina c’è una cartello che spiega tutto e informa la clientela che è ancora in corso l’inventario. Oltretutto, il titolare non si fida a ordinare ed esporre nuovamente l’attrezzatura senza dotarsi di una protezione: «Riprenderemo a lavorare a pieno regime quando sarà installato il sistema d’allarme: nel frattempo, di giorno, sarò comunque qui in ufficio a fornire assistenza ai clienti, in attesa della riapertura ufficiale che confido possa coincidere con l’inizio della prossima settimana». Sul furto ora indagano i carabinieri della stazione di Soresina. Gli articoli rubati l’altra notte non sono di difficile collocazione sul mercato nero, e possono essere rimessi in commercio nei modi più svariati, internet compreso. In città gli appassionati di pesca sono parecchi, ma al momento non si può dimostrare che gli autori del colpo risiedano nel territorio. Si può solo intuire che fossero bene informati, quello sì: perché il negozio preso di mira aveva aperto davvero da pochissimo.

17 Giugno 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000