il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Perri: 'Meno dirigenti e una giunta più snella'

Il sindaco lancia il bilancio partecipato: 'Le risorse recuperate destinate agli interventi di manutenzione nei quartieri'

Perri: 'Meno dirigenti e una giunta più snella'

Oreste Perri

CREMONA - "Meno dirigenti e una giunta rinnovata e più snella”. Oreste Perri lancia il bilancio partecipato: “Le risorse recuperate destinate agli interventi di manutenzione nei quartieri”

“Si continua a parlare di costi della politica del Comune e di rinnovamento. Pochi sanno che 5 anni fa quando sono arrivato in Comune, ho trovato un gravissimo disavanzo. Abbiamo riportato il bilancio in pareggio ed il comune è rientrato nel patto di stabilità. C'erano 21 dirigenti e nel corso di questi anni sono diventati 13, perché il personale andato in pensione non è stato più sostituito. Ho ridotto del 30% il mio stipendio, così come le indennità e il gettone di presenza degli amministratori; ho diminuito del 65% la spesa per incarichi professionali esterni e consulenze. Le sfide che ci attendono chiedono però un ulteriore cambio di passo. Per questo nel prossimo mandato voglio incidere ancora più. Voglio realizzare una revisione della spesa attraverso un sistema di controllo di gestione, perché la macchina comunale possa essere più efficiente e più sburocratizzata.

Per questo nella prossima Giunta ridurrò il numero di assessori anche sotto le 7 unità, previste dal limite di legge, concentrando deleghe e responsabilità. Sarà una Giunta rinnovata e snella, composta da persone che sceglierò sulla base di competenze e professionalità. Prevarranno il merito e i risultati. Mi impegno fino da ora, a fare una bilancio dopo il primo anno di lavoro con i nuovi assessori e, esattamente come accade in un'azienda, valutarli singolarmente sulla base degli effettivi risultati raggiunti. I risultati delle valutazioni saranno messi a disposizione dei cittadini che, in questo modo, potranno esercitare un effettivo potere di verifica e controllo.

Grazie alle risorse risparmiate sarà possibile investire su un piano complessivo di manutenzione da affidare alle imprese del territorio. Un piano che deve prevedere tutti quegli interventi che migliorano e fanno bella la città. A questo proposito intendo continuare a coinvolgere ancora di più tutti i cittadini, attraverso le loro rappresentanze nei quartieri, per stabilire le priorità da affrontare zona per zona e destinarvi le risorse del bilancio comunale a disposizione ogni anno per tali interventi, dalla sistemazione marciapiedi al taglio dell’erba, dalla manutenzione dei parchi e dei giochi per i bambini al potenziamento illuminazione. In questo modo, ogni comitato di Cremona sarà sempre di più al centro della nostra interlocuzione“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

03 Giugno 2014

Commenti all'articolo

  • gianfranco

    2014/06/04 - 20:08

    non bisogna mai per principio sparare sulla croce rossa, ma il sindaco uscente le risposte del perché non bisogna votarlo se l'è date e se le sta dando da solo, tutte le belle cose che ha intenzione di fare perché non le ha fatte nei cinque anni a sua disposizione? un buon comune non deve risparmiare ma deve usare tutte le risorse disponibili subito, anzi deve fare pure qualche debito per realizzare le opere di cui hanno bisogno i cittadini e la città. non sempre una sola persona è una garanzia, a volte bisogna anche avere intorno una squadra che faccia il giuoco di squadra.

    Rispondi

  • Armando

    2014/06/04 - 17:05

    Sembra che le dichiarazioni del Sindaco uscente Perri in questa ultima fase siano una continua e disordinata rincorsa. Ora afferma di continuare sulla strada del taglio dei dirigenti già intrapresa nel primo mandato: ma non è forse lui che ha chiamato ben 3 figure apicali a fare il lavoro svolto in precedenza da un solo city manager?

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000