il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Su internet veleni tra ragazzi e denunce record

Uso disinvolto della rete: ingiurie e privacy violata

Su internet veleni tra ragazzi e denunce record

Un agente della polizia postale

CREMONA - L’uso disinvolto della rete porta a conseguenze sempre più pesanti. E non tutto passa inosservato, privo di conseguenze

Anche a Cremona il fenomeno delle diffamazioni e delle violazioni della privacy realizzate sui social network, a cominciare da Facebook, è sempre più presente.

Gli agenti della polizia postale, coordinati a livello locale dall’ispettore Alberto Casarotti, sono sempre più spesso alle prese con segnalazioni e denunce che riguardano giovani utenti della rete artefici o vittime di comportamenti che rappresentano reati a tutti gli effetti, anche se spesso chi li commette non capisce di violare delle regole.

Lo scenario che emerge è sconcertante. La rete viene utilizzata per dare sfogo a rancori di ogni tipo ma questo spesso conduce a diffamazioni belle e buone. Molte anche le foto pubblicate in maniera illecita. Dall’inizio dell’anno sono decine i casi seguiti dalla polizia postale. E questo malgrado il fatto che da tempo si punti sulla prevenzione. Ogni anno sono decine gli incontri, ai quali partecipa lo stesso Casaraotti, nei quali si illustrano i pericoli che si annidano nella rete per i giovani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

27 Maggio 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000