il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Meno rischi con le luci 'salva pedoni'

Led luminosi, segnaletica orizzontale e verticale in prossimità delle strisce

Meno rischi con le luci 'salva pedoni'

In Largo Moreni il nuovo impianto di illuminazione

CREMONA - Si concretizza l'operazione 'luci per la sicurezza'. E' stata varata dall’amministrazione Perri all’inizio dello scorso marzo, recependo le istanze avanzate da diversi comitati di quartiere e le indicazioni delineate dalla polizia locale sulla base del tasso di incidentalità: da mercoledì 21 maggio, gli addetti di Aem sono al lavoro per installare sistemi di illuminazione all’avanguardia, alimentati ad energia fotovoltaica, agli attraversamenti pedonali cittadini più pericolosi.

Dove i lampioni mancano, ne saranno installati di nuovi e dove già ci sono, saranno potenziati nella luminosità. Anche sul fronte della segnaletica. Prima tappa: le strisce lungo la tangenziale, appena prima di largo Moreni.

Il progetto, predisposto dai tecnici del settore Servizio Programmazione-Mobilità e Qualità Urbana del Comune e da quelli della ex municipalizzata, prevede in generale interventi in otto punti: saranno dotati di un impianto di illuminazione notturna affiancato da una strumentazione a lampeggianti attiva 24 ore su 24. 

Oltre a quello sullo sbocco da via Eridano in largo Moreni, saranno interessati anche gli attraversamenti di via Brescia, all’incrocio con via Cardinal Massaia, in via Portinari del Po, in via Ghinaglia, all’altezza del numero 49 e in corrispondenza dell’intersezione con via Borgo Spera, in via Milano zona incrocio con via Baronio e infine in via Persico all’ingresso del sottopasso. «Speriamo — spiega l’assessore alla Sicurezza Francesco Bordi —  serva anche a cambiare la cultura, tipicamente italiana, che vede l’attraversamento pedonale come un ostacolo che blocca il flusso veicolare e considera il pedone un elemento di interruzione penalizzante per il traffico».  I pali a sbraccio retro-illuminati a led, con alimentazione in parte a pannelli fotovoltaici e in parte da rete pubblica, hanno anche proiettori asimmetrici per evidenziare il passaggio.

 

21 Maggio 2014

Commenti all'articolo

  • Luigi

    2014/05/23 - 18:06

    I brutti fatti di cronaca accaduti in Via Milano consiglierebbero di segnalare meglio ogni attraversamento pedonale. Sono tutti molto pericolosi e segnalarne uno solo sembra una presa in giro.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000