il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Nigeriano arrestato, stroncato giro di droga in città

Denunciato un connazionale e cinque persone segnalate: blitz anche alla Casa dell'Accoglienza

Nigeriano arrestato, stroncato giro di droga in città

La conferenza stampa dei carabinieri

CREMONA - Stroncato dai carabinieri un importante giro di droga all'ombra del Torrazzo. In manette è finito un nigeriano di 32 anni e denunciato un connazionale di 31. Nel corso dell'operazione - durante la quale è stato sequestrato un chilo e 200 grammi di marijuana - i militari hanno anche effettuato un blitz alla Casa dell'Accoglienza dove sono stati sorpresi (e poi segnalati quali assuntori di stupefacenti) altri cinque africani.

In seguito a numerose segnalazioni circa movimenti sospetti presso l'abitazione del nigeriano in via Guido Grandi, i carabinieri si sono appostati intorno alle 20 di venerdì 9 maggio. I militari hanno bloccato un uomo (residente a Sesto, ma con in uso una stanza presso la Casa dell'Accoglienza) mentre usciva dalla casa tenuta sotto controllo. Addosso, occultato negli slip, gli è stata trovata una palla da 30 grammi di marijuana. Il 31enne (con precedenti per reati contro il patrimonio) è stato portato in caserma e denunciato. A quel punto, i militari sono entrati nell'abitazione e qui hanno rinvenuto altre 18 palle di stupefacente e un monoblocco per un totale di 1,2 chilogrammi di marijuana, oltre a due bilancini di precisione e 560 euro in contanti. Per il 32enne (nigeriano, già arrestato due anni fa e anch'egli già ospite della Casa dell'Accoglienza) sono scattate le manette.

I carabinieri, guidati dal capitano Livio Propato, si sono quindi diretti presso la struttura di via Sant'Antonio del Fuoco. Nella stanza in uso al nigeriano 31enne, tra lo sconcerto del responsabile della Caritas don Antonio Pezzetti, hanno sorpreso altri cinque africani che fumavano spinelli e trovato un altro grammo di marijuana. I cinque nigeriani sono stati segnalati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

 

10 Maggio 2014

Commenti all'articolo

  • arcelli

    2014/05/11 - 23:11

    Nella struttura della Curia,ma coi soldi nostri,adesso si tollerano pure drogati e spacciatori. Andiamo bene

    Rispondi

  • They

    2014/05/11 - 07:07

    Un elogio ai carabinieri ma purtroppo siamo in Italia e i giudici/la magistratura entro breve rimetteranno queste persone in circolazione magari con tante scuse tenendo fede al motto tra gli immigrati/rumeni/delinquenti : vieni in Italia, rubiamo e spacciamo alla faccia degli allocchi italiani tanto non ci faranno mai nulla, mal che vada, ci daranno un pezzetto di carta con scritto espulsione, hahaha.

    Rispondi

  • NICOLA

    2014/05/10 - 16:04

    Ma fatemi il piacere... Ora si vuol prendere ancora in giro la gente dicendo che "don struzzo" (con la testolina sotto la sabbia) prova anche sconcerto!!!

    Rispondi

  • mario

    2014/05/10 - 15:03

    Quello arrestato entro breve tempo ritornerà a spacciare e i suoi cinque compari si "rifaranno" di nuovo. Ma i soldi per la droga dove li hanno trovati? Per strada o sono i nostri ? Non basta segnalarli come assuntori, occorre rispedirli al loro paese d'origine, mantenere delinquenti non è opera caritatevole.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000