il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Disco verde alle tariffe per le scuole dell'infanzia:

Convermata la sospensione dell’applicazione della tariffa mensile di compartecipazione alla spesa di funzionamento del servizio Scuola Infanzia Comunali, differenti modalità di frequenza al nido

mensa

CREMONA - La giunta comunale con voto unanime ha approvato le tariffe dovute dalle famiglie per i servizi educativi per l’infanzia e scolastici per l’anno scolastico 2014/2015. La giunta ha confermato anche per l’anno 2014/2015, la sospensione dell’applicazione della tariffa mensile di compartecipazione alla spesa di funzionamento del servizio Scuola Infanzia Comunali e la sperimentazione, per tutto l’anno scolastico 2014/2015, delle tariffe relative alle differenti modalità di frequenza all’asilo nido comunale approvate il 12 marzo 2014.

ECCO LE TARIFFE

- tariffa massima € 400,00
- quota di anticipo sulla prima tariffa € 100,00
- tabella delle tariffe in riferimento alle fasce ISEE (allegato Tabella 1) che si compone di una tariffa fissa (costo del servizio) su cui vengono applicate le agevolazioni e di una tariffa variabile (pasti e pannolini) che dipende solo dai giorni di presenza
- tariffa dovuta dal genitore non convivente (nessuna agevolazione)
€ 80,00 per il genitore non convivente con reddito ISEE da € 0 ad € 10.000,00
€ 100,00 per il genitore non convivente con reddito ISEE da € 10.000,01 ad € 15.000,00
€ 150,00 per il genitore non convivente con reddito ISEE da € 15.000,01 ad € 20.000,00
€ 200,00 per il genitore non convivente con reddito ISEE da € 20.000,01 ad € 25.000,00
€ 250,00 per il genitore non convivente con reddito ISEE da € 25.000,01 ad € 30.000,00
€ 300,00 per il genitore non convivente con reddito ISEE oltre € 30.000,00.
- tabella delle agevolazioni per nuclei monogenitoriali (solo per tariffa fissa)
riduzione del 40% per famiglia anagrafica monogenitoriale con reddito ISEE da 00,00 a 10.000,00;
riduzione del 30% per famiglia anagrafica monogenitoriale con reddito ISEE da 10.000,01 a 15.000,00;
riduzione dell’ 8% per famiglia anagrafica monogenitoriale con reddito ISEE da 15.000,01 a 20.000,00;
- riduzione per la frequenza con uscita anticipata (solo per tariffa fissa)
20% sulla tariffa base;
- per le famiglie anagrafiche con più bambini che frequentano il Servizio Asili Nido, per il secondo figlio ed eventuali successivi (solo per tariffa fissa) riduzione del 40%;
- per le famiglie anagrafiche con 2 o più minori (solo per tariffa fissa)
10% per famiglie con due figli minori;
20% per famiglie con tre figli minori;
30% per famiglie con quattro figli minori;
50% per famiglie con cinque figli minori;
70% per famiglie con sei o più figli minori;
- per le famiglie anagrafiche in situazione di disagio e/o colpiti da effetti di crisi economica:
conferma dell’esenzione dal pagamento della retta ai sensi della deliberazione di Giunta Comunale n.
127 del 12 settembre 2013;


RIDUZIONI TARIFFARIE (solo per tariffa fissa)
- riduzione del 25% per assenze per malattia di almeno 10 giorni consecutivi nel mese;
- riduzione del 50% per assenze per malattia di almeno 21 giorni consecutivi nel mese;
- per la chiusura dell'asilo nido per scioperi del personale dipendente e per cause dipendenti dall'Amministrazione Comunale, verrà effettuata una detrazione della tariffa in trentesimi per ogni giorno di chiusura
- per le assenza per infortunio verificatosi durante la permanenza al nido, verrà effettuata una detrazione della tariffa in trentesimi per ogni giorno di assenza.

17 Aprile 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000