il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


LINEA MN-CR-MI

Il Vivalto non parte da Mantova, beffa per i pendolari cremonesi

I viaggiatori sono stati messi sul treno in arrivo da Milano che è stato 'girato' per fare il percorso in direzione opposta

Il nuovo modello del treno Vivalto

CREMONA - Ennesima beffa per i pendolari di Cremona. Mercoledì 2 aprile il treno Vivalto - il nuovo convoglio da poco entrato in funzione - non è partito da Mantova lasciando a bocca asciutta i viaggiatori cremonesi pronti a partire verso Milano per praggiungere il posto di lavoro. I pendolari hanno dovuto prendere il treno che era in arrivo da Milano che è stato fermato alla stazione cittadina e 'girato' per fare il percorso in direzione inversa. Partenza alle 7.33.

Alla beffa si è aggiunto il ritardo perché i pendolari sono arrivati nel capoluogo meneghino con quasi 45 minuti di ritardo.

Inevitabile l'esplosione della rabbia, sui treni, ma anche sui social network. Il portavoce del comitato In orario, nel raccontare l'odissea del mercoledì mattina su Facebook, parla di 'vergogna'. Si spreca inoltre l'ironia sul fatto che il nuovo treno, almeno nelle intenzioni iniziali, avrebbe dovuto risolvere molti problemi.

In serata è giunta una nota di Trenord. "Trenord ha espresso il proprio disappunto nei confronti del produttore AnsaldoBreda per il guasto che questa mattina ha interessato una carrozza del Vivalto causando la soppressione della corsa numero 2650 da Mantova alle 6.41. L’episodio ha generato ritardi e soppressioni ad altre corse lungo la linea, per cercare di mitigare le quali la sala operativa di Trenord è intervenuta provvedendo a riorganizzare la circolazione. Ciò ha potuto attenuare solo in parte i disagi, per i quali la società desidera scusarsi". Ecco quello che è accaduto alla stazione di Mantova. "Il Vivalto era regolarmente arrivato da Cremona durante la notte a Mantova, da dove poi avrebbe dovuto effettuare la corsa 2650. Al momento della partenza alle 6.41, però, è stato riscontrato un guasto ad uno degli impianti del treno. Trenord ha immediatamente chiesto l’intervento dei tecnici di AnsaldoBreda, l’azienda costruttrice che ha consegnato il treno soltanto un mese fa. AnsaldoBreda ha riparato il guasto e assicurato che sono stati presi tutti i provvedimenti tecnici e operativi per la definitiva soluzione del problema. Il Vivalto infatti ha poi effettuato regolarmente l’altra corsa programmata oggi, cioè la 2659 (Milano Centrale 17.15 – Mantova 19.12) e sarà regolarmente in servizio anche domani mattina per la 2650".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

02 Aprile 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000