il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

No a corso Garibaldi pedonale
Negozi, la protesta dei cartelli

Nel prossimo fine settimana i commercianti daranno vita al loro dissenso in modo scenografico

No a corso Garibaldi pedonale
Negozi, la protesta dei cartelli

CREMONA - Decine di cartelli su tutte le vetrine dei negozi che si trovano nel tratto di corso Garibaldi chiuso al traffico. Tante frasi secche e un messaggio univoco per manifestare il proprio dissenso nei confronti della zona pedonale varata nove mesi fa tra l’incrocio con via Villa Glori e corso Campi.

Una posizione condivisa dal 63 per cento dei commercianti che, a causa del nuovo assetto viabilistico, lamentano fatturati in caduta libera. Una protesta che potrebbe assumere toni e portata clamorosi — di sicuro ad alto impatto scenografico e in grado di cambiare il colpo d’occhio del corso — quella che scatterà in corso Garibaldi tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima. «Saranno cartelli grandi più o meno come una locandina del giornale. Ovviamente potranno affiggerli tutti i commercianti che vorranno farlo - spiega Piergiorgio Di Cataldo, il titolare dell’edicola all’intersezione con via Milazzo, da mesi portavoce del fronte avverso all’isola pedonale - ovviamente sarà possibile affiggere anche più di un cartello. Conto su un’adesione almeno pari al numero di coloro che nelle scorse settimane, nel sondaggio fatto in quella parte del corso, hanno preso posizione per il ‘no’ al blocco del traffico con tanto di firma: ovvero 34 su 54».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

 

02 Aprile 2014

Commenti all'articolo

  • They

    2014/04/03 - 06:06

    Servono a poco le proteste finchè ci saranno amministrazioni che favoriscono i centri commerciali.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000