il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Castelleone

Un assessorato per Bergo. 'No, voglio fare il sindaco'

Un assessorato per Bergo. 'No, voglio fare il sindaco'

CASTELLEONE — Si dice pronta a scendere in campo  ma solo come candidato sindaco, e solo con una lista propria. Gli incarichi di prestigio che le sono stati offerti da altri schieramenti la riempiono d’orgoglio ma non sono sufficienti a farle compiere il grande salto. Se deciderà di presentarsi alle amministrative del 25 maggio, Pupilla Bergo lo farà a modo suo: in prima linea. E la novità, il primo, vero, botto di una campagna elettorale che ancora si deve accendere, è che la presidente del Mercatino d’antiquariato ci sta seriamente pensando. «La gente è con me — spiega Bergo —; nelle ultime settimane tantissimi castelleonesi mi hanno chiesto di rompere gli indugi e candidarmi alla guida della città. Proposte per entrare in lista mi sono state rivolte anche da altre forze politiche, ma se mi convinco a mettermi in gioco non lo faccio per un posto da consigliere o da assessore. Le scelte mi piace prenderle in prima persona». Pur non essendo nativa del borgo, negli ultimi 25 anni Bergo ha creato e investito parecchio su Castelleone. Non c’è settore che abbia trascurato: la sensibilità  verso la gente, l’attenzione all’arredo urbano, gli innumerevoli interventi di restauro finanziati dalla sua associazione (dai dipinti della chiesa fino a torre Isso). In due decenni e mezzo di Mercatino ha collaborato con associazioni, cittadini e giunte di qualsiasi ‘colore’, conquistandosi stima e affetto a 360°. «In un certo senso — prosegue — penso sia legittimo il desiderio di chi vuole vedermi alla guida del paese. Ringrazio di tanta stima, e certamente tutti i consensi che ho ricevuto mi gratificano: posso solo dire che se accetterò la sfida cercherò di essere il sindaco di tutti, superando ideologie e logiche di partito». Solo un ostacolo potrebbe fermare la sua corsa: «Candidarmi vorrebbe dire rinunciare alla mia creatura, il Mercatino. Chi mai avrà la costanza  di  girare l’Italia ogni domenica per promuovere la nostra città? L’appuntamento mensile è noto per qualità e professionalità ma va continuamente seguito con programmi e fermezza nelle scelte. Solo per questo non ho ancora sciolto la riserva».

 

08 Marzo 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000