il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Il Comune vuole dallo Stato i rimborsi per le spese degli uffici giudiziari

Ipotesi emissione di un decreto ingiuntivo: per gli anni 2011 e 2012 ammontano a oltre un milione di euro

Il Comune vuole dallo Stato i rimborsi per le spese degli uffici giudiziari

Il Comune di Cremona

CREMONA - Il Comune sta valutando la possibilità di chiedere al Tribunale di emettere un decreto ingiuntivo per far sì che lo Stato e, in particolare, il ministero della Giustizia paghi le spese sostenute dal Comune stesso per il funzionamento degli uffici giudiziari (acqua, luce, gas, sorveglianza). I rimborsi, per il 2011 e il 2012, ammontano 1.062.000 euro. In questi anni le amministrazioni municipali hanno anticipato per conto dello Stato, secondo un meccanismo disciplinato dalla legge, le spese per i tribunali. Nel 2013, il taglio delle risorse per questo capitolo è di oltre 220 milioni di euro, il 73,6 per cento rispetto al 2011. Uno degli effetti immediati della decurtazione c'è la mancata corresponsione dei rimborsi previsti. In particolare, per quanto riguarda il 2011 e l'intero 2012. Il Comune di Cremona ha sostenuto per gli uffici giudiziari, nel 2001, la spesa di 738 mila euro, a fronte della quale ne sono stati ridati 520 mila mentre per il 2012 la spesa è stata di 843 mila euro, al momento non ancora rimborsata nemmeno in parte. Quindi, la somma complessiva che spetterebbe al Comune per quel biennio supera di poco il milione di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

06 Marzo 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000