il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


LOTTA ALLO SPACCIO

Clienti chiamano il pusher
Rispondono i carabinieri

Due uomini fermati nella notte: uno arrestato con 2 etti di 'fumo', l'altro inondato in caserma dalle chiamate degli acquirenti

Clienti chiamano il pusher
Rispondono i carabinieri
CREMONA - Nella tarda serata di ieri, a coronamento di prolungati accertamenti, i carabinieri della stazione di Cremona, coordinati dal luogotenente Gianni D'Alfonso, hanno arrestato in flagranza uno spacciatore. L’uomo, un 46enne residente in città già noto alle forze dell’ordine, verso le 22 è stato sorpreso dai militari subito dopo aver ceduto ad 45enne di Cremona 15 grammi di hashish. Le successive attività hanno permesso di scovare nell’abitazione dello spacciatore altri 200 grammi di 'fumo' (suddivisi in due panette e nascosti in cantina) e 3 grammi di marijuana, oltre a materiale per il confezionamento delle dosi e un bilancino di precisione. Sulla base di questi elementi l’uomo è stato dichiarato in stato d’arresto e sottoposto agli arresti domiciliari, come disposto dal pm Francesco Messina in attesa della convalida dell’arresto. Poco meglio è andata all’acquirente 45enne che, in caserma, nell’attesa della formalizzazione del sequestro dei 15 grammi di hashish poco prima acquistati, si è visto inondato di chiamate di clienti a cui sarebbero verosimilmente state cedute le dosi ricavate dallo stupefacente prima acquistato. Insomma, un epilogo tragicomico: gli acquirenti cercano il pusher, ma all'altro capo del telefono rispondono i carabinieri.

02 Marzo 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000