il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


IL PROCESSO

"Fogne Tamoil, nessuna competenza dell'Arpa"

Tre ore di testimonianza dell'ex direttore Beati

"Fogne Tamoil, nessuna competenza dell'Arpa"
CREMONA - «L’Arpa non ha nessuna competenza sulle fogne della raffineria Tamoil. Noi sapevamo che le fogne erano una fonte potenziale di inquinamento e dal 2003 avevamo chiesto di videoispezionarle. Poi, che ci mettessero due giorno o due anni, l’importante è che lo facessero. Noi avevamo tutti i piezometri e dai controlli che facevamo, vedevamo che la contaminazione non aumentava». Lo ha detto Paolo Beati, l’ex direttore dell’Arpa (oggi in pensione), all’esito delle tre ore abbondanti di testimonianza resa al processo sull’inquinamento della falda e sull’avvelenamento delle acque, per il pm Fabio Saponara causata dalle fogne «colabrodo» della Tamoil, nelle quali vi sarebbe stato un notevole afflusso, dai serbatoi, di acque sporche di idrocarburi. Al processo a carico di cinque manager che si sta celebrando con il rito abbreviato davanti al gup Guido Salvini, Beati è stato portato sul banco dei testimoni dalla difesa Tamoil. 
APPROFONDIMENTO SULL'EDIZIONE IN EDICOLA SABATO 1 MARZO

28 Febbraio 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000