il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Taglio selvaggio invece di una potatura: roveri e querce rase al suolo

Taglio selvaggio invece di una potatura: roveri e querce rase al suolo

Alcune piante tagliate a Castelverde

CASTELVERDE - Taglio selvaggio di piante, alcune anche secolari, lungo la ciclabile del Naviglio civico all’altezza della cascina Traballino. La richiesta presentata in Comune da un professionista di una ditta bresciana per conto del proprietario del terreno chiedeva di poter effettuare un intervento di manutenzione ordinaria, quindi potature. «Sono state ‘rase al suolo’ roveri e querce» spiega Fabio Guarreschi, presidente dell’associazione il Nibbio. Una devastazione che non è passata inosservata alle decine di persone che ogni giorno percorrono quel tratto di percorso ciclo-pedonale.

L'ufficio tecnico, direttamente coinvolto, ha spiegato che «questo professionista ha presentato domanda per effettuare manutenzione ordinaria. Gli abbiamo concesso l’autorizzazione con determinate prescrizioni visto che si tratta di una zona assoggettata a tutela ambientale e paesaggistica. Nessuno è mai venuto a ritirare il titolo abilitativo. In compenso sono iniziati i lavori senza sapere neppure che tipo di prescrizioni avevamo imposto (semplici potature e non tagli di interi alberi, ndr)». I provvedimenti che si prospettano sono la sanzione e, non è da escludere, la ripiantumazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

26 Febbraio 2014

Commenti all'articolo

  • DAVIDE

    2014/02/27 - 21:09

    Certamente oltre alla sanzione, mai abbastanza salata, la piantumazione deve essere d'obbligo; ma attenzione a non accontentarsi di semplici piantine magari di diversa essenza! La ripiantumazione deve avvenire con specie autoctone pregiate, di almeno 5 anni di vita (ideale 10 anni!), con obbligo di manutenzione delle stesse e sostituzione in caso di morte per un periodi di 10 anni, il tutto assistito da una seria garanzia (fideiussione di un'assicurazione o banca) che garantisca il rispetto dell'obbligo. Poi sarebbe il caso di capire perchè nessuno dei preposti al controllo se ne sia accorto per tempo...

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000