il network

Lunedì 11 Dicembre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CONDANNA IN CORTE D'APPELLO

Rapinatore con la parrucca
Un'altra condanna

Ritenuto responsabile di due colpi alla Cariparma di Spinadesco e alla Bnl di via Ghinaglia tra il '97 e il '98

Rapinatore con la parrucca
Un'altra condanna
CREMONA - La Corte d'Appello di Brescia lo ha condannato a un anno e nove mesi di reclusione in continuazione con una precedente condanna a 9 anni di carcere inflittagli a Milano: Pietro Noci - ribattezzato ‘il rapinatore con la parrucca’ - è stato ritenuto responsabile dei colpi alla Cariparma di Spinadesco (11 aprile 1997) e alla Bnl di Cremona in via Ghinaglia (29 gennaio 1998), fruttati rispettivamente 11 milioni (più un milione e 800mila rapinati a un cliente) e 19 milioni delle vecchie lire. 
Il 56enne milanese, una vita trascorsa dentro e fuori le carceri, nella trentina di banche assaltate nel nord Italia entrava con parrucca da donna, tacchi e occhialoni da sole; nei due assalti in terra cremonese si presentò, invece, in tuta da meccanico, nel primo caso, e in pantofole, nel secondo. Condannato in primo a grado a cinque anni e sei mesi di reclusione, Noci, da sempre nega di aver firmato le due rapine 'cremonesi'.
Il curriculum criminale di Noci è fittissimo. Il 6 aprile del 2011, il ‘rapinatore con la parrucca’ cercò di fuggire all’interno dell’area di servizio di Sestri Levante, sull’A12, approfittando della sosta del furgone della polizia penitenziaria sul quale era a bordo. Stava rientrando da un’udienza a Massa, diretto al carcere di Marassi. Due agenti spararono, colpendolo al volto. 
Francesca Morandi

14 Febbraio 2014