il network

Domenica 11 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Manifestazione CasaPound, denunciati sei del Kavarna

La fiaccolata era stata organizzata in memoria delle vittime delle Foibe

Manifestazione CasaPound, denunciati sei del Kavarna

Forze dell'ordine per la manifestazione in piazza Fiume a Cremona

CREMONA - Sei persone sono state denunciati dalla polizia in seguito all’azione di disturbo alla fiaccolata in commemorazione delle vittime delle Foibe, organizzata da CasaPound, che si è svolta lunedì 10 febbraio. La manifestazione, regolarmente preavvisata, ha avuto come teatro piazza Fiume e ha coinvolto un centinaio di persone. Per l’occasione era stato predisposto un accurato servizio d’ordine proprio per evitare guai.

Intorno alle 21, una ventina di elementi presumibilmente appartenenti all’area anarchica (alcuni di loro aderenti al Csa Kavarna) si sono concentrati nei pressi della fiaccolata mettendo in atto azioni di disturbo e contestazione. In particolare, urlando slogan antifascisti ed inneggianti alle Foibe e tentando di avvicinarsi a piazza Fiume. Intorno alle 22.30 i contestatori si sono posizionati all’angolo tra via Grado angolo e via Pasubio, occultandosi dietro uno striscione, e lanciando petardi verso il cordone delle forze dell’ordine schierate per l’occasione. Per impedire qualsiasi tentativo di contatto, tra le opposte fazioni e, per impedire che la situazione degenerasse, la polizia ha disarmato i facinorosi e sequestrato lunghi bastoni e petardi usati contro gli agenti. Un intervento portato a termine senza nessun ferito e solo con la rottura della visiera del casco protettivo di uno dei poliziotti.

Sei elementi di spicco Kavarna, nella mattinata di mercoledì 12 febbraio, sono stati denunciati per manifestazione non autorizzata, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato, accensioni ed esplosioni pericolose, travisamento in pubblica manifestazione e divieto di possesso di prodotti pirotecnici vietati, significando che per l’occasione sono stati sequestrati due bastoni di notevoli dimensioni, e artifizi esplosivi classificati, come appartenenti alla IV° Categoria (non di libera vendita). Sono in corso ulteriori indagini, al fine di individuare altri elementi dell’area anarco-antagonista, resisi responsabili di fatti penalmente perseguibili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

12 Febbraio 2014

Commenti all'articolo

  • franco

    2014/02/13 - 14:02

    I morti della parte del vincitore sono martiri gli altri meritavano quella fine. Già alle elementari nei libri di scuola ci insegnavano che gli Austriaci erano i cattivi mentre i nostri erano patrioti. Se gli Austriaci non perdevano i nostri sarebbero dei terroristi. Tutto è relativo.

    Rispondi

  • NICOLA

    2014/02/13 - 07:07

    La solita, lurida canaglia, figlia alimentata e protetta di questo catastrofico settantennio...avanti così .

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000