il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Catapecchie sovrastimate: banche truffate, indagine chiusa

Verso il rinvio a giudizio per 70 indagati nell'indagine Domus: ruderi comprati da finti acquirenti reclutati nei campi nomadi

Catapecchie sovrastimate: banche truffate, indagine chiusa

La finanza davanti a una delle case finite nell'inchiesta Domus

CREMONA - Le case spesso erano ruderi, ma grazie alle perizie false che gonfiavano il valore di mercato e attraverso falsi acquirenti, per lo più pregiudicati o sinti reclutati nei campi nomadi di Pavia come Athos, 30 anni, nipote di Mafalda, «la regina dei rom» morta nel ‘77, ottennero dalle banche mutui per poi rimborsarne una minima parte o nulla. In questo modo truffarono dieci banche, riuscirono a intascare cinque milioni di euro attraverso 42 truffe messe a segno nel Cremonese e nel Bresciano dal giugno del 2006 fino all’estate del 2011.

Ora la procura ha chiuso l’indagine nei confronti di una settantina di persone, tra cui cinque agenti immobiliari (due cremonesi e tre bresciani) finiti un anno fa in manette nell’ambito dell’inchiesta «Domus» della guardia di finanza e coordinata dal sostituto procuratore Fabio Saponara. Per i settanta indagati accusati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa, si profila la richiesta di rinvio a giudizio. Una decina di venditori è invece uscita dall’inchiesta. «I miei assistiti hanno chiarito di essere stati raggirati, di aver agito in buona fede e di non essersi presi alcuna parte di guadagno illecito», ha detto l’avvocato Paolo Carletti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

07 Febbraio 2014

Commenti all'articolo

  • Cittá Giurassica

    2014/02/08 - 09:09

    negli anni d'oro dove tutti o quasi compravano casa, spinti dalle voci di non si sa bene chi, che dicevano di investire nel mattone, gli agenti immobiliari hanno fatto cose Devastanti per il mercato immobiliare.Giovani coglioncelli senza esperienza appena usciti da geometri o scuole simili e spinti dai capi agenzia a vendere prodotti Fatiscenti,molti senza le dovute certificazioni elettriche o idrauliche, a prezzi gonfiati del 300/400% . Questo ha portato all indebitamento di massa con le banche,per 20 o 30 anni di vincolo tramite mutuo. È da dire che se questi speculatori immobiliari non avessero voluto imbrogliare le persone vendendo merda al posto della cioccolata, molte famiglie adesso non sarebbero alla gogna. Quindi cari agenti immobiliari facile dire adesso:Siamo stati raggirati, io vi butterei in galera solo per quell affermazione. Un lavoro va imparato e preso sul serio, non si vendono caramelle, coglioni.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000