il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASTELVISCONTI

L'ex sindaco Ori 'desaparecido': era atteso al processo d'appello

Le ultime notizie risalgono allo scorso dicembre, mese della sua partenza per la Sardegna: due giorni fa doveva presentarsi a Brescia

L'ex sindaco Ori 'desaparecido': era atteso al processo d'appello

Giacomo Ori

CREMONA - Due giorni fa era atteso a Brescia, nell’aula della corte d’appello, davanti alla quale Alberto Sisti, sindaco di Castelvisconti (comune di 350 anime), parte civile con gli avvocati Liliana Lanzoni e Stefano Ferrari, la procura di Cremona e persino la procura generale hanno impugnato la sentenza, con cui il 6 novembre del 2012 lui, l’ex sindaco Giacomo Ori, venne assolto dall’accusa di aver occultato atti pubblici: il carteggio per il voto assistito (7 voti) in occasione delle elezioni del 2009. Ma di Ori si sono perse le tracce. 

Le ultime notizie dell’ex sindaco che per dieci anni, fino al 2009, guidò Castelvisconti, risalgono allo scorso dicembre, mese della sua partenza per la Sardegna. La prova è arrivata dal suo avvocato Angela Cappi, del Foro di Oristano, che ai giudici del processo bis ha prodotto copia del biglietto del viaggio in nave che, a dicembre appunto, ha lasciato il continente per l’isola. Da allora, Ori non è più rientrato a Castelvisconti. Il suo cellulare squilla a vuoto. I carabinieri lo hanno cercato per recapitargli la notifica di avviso del processo, ma senza risultato. E a causa del «vizio di notifica», la corte ha rinviato il processo al prossimo 7 aprile, a un mese dalle elezioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

05 Febbraio 2014

Commenti all'articolo

  • Giacomo

    2014/02/08 - 11:11

    segue 3 Ad ogni buon conto, pur avendo una residenza e un domicilio noti a tutti e pur non essendo irreperibile rassicuro la stimata giornalista che in futuro rimarrò in casa, non andrò in ferie, né da nessun’altra parte, ma osserverò con scrupolo l’obbligo di recarmi quotidianamente a Casalbuttano, anziché al mare in Sardegna, per consentire con maggior comodità qualunque notifica. Così la giornalista smetterà di preoccuparsi dell’attività vanamente svolta dai carabinieri. Per la libertà di opinione e per la par condicio mi auguro che questa mia sia pubblicata senza tagli. Giacomo Ori

    Rispondi

  • Giacomo

    2014/02/08 - 11:11

    segue2 Mi sia consentito un plauso alla giornalista ferrata in materia di diritti e doveri. Vorrei, però, ricordarle che la prima regola per partecipare ad un processo (al quale si può anche non presenziare) è quella di esserne informati, il che ordinariamente avviene mediante una banale notifica dell’atto contenente la data dell’udienza. Il diritto e il dovere di essere informati non comportano di aspettare nelle mura del domicilio domestico che l’obbligo di notifica venga assolto. Sono un libero cittadino che gode di tutte le libertà, compresa quella di spostarsi dove meglio crede, come tale non obbligato ad attendere in casa i carabinieri di Casalbuttano. Per tali ragioni, non essendo stato l’atto contenente la data dell’udienza portato a mia conoscenza, il Giudice di Appello ne ha ravvisato la mancata notifica. continua......................

    Rispondi

  • Giacomo

    2014/02/08 - 11:11

    Ai gentili lettori di questo giornale. Riferimento articolo pubblicato online il 05.02.2014 e il 06.02.2014 stampato, a firma di Francesca Morandi A seguito della pubblicazione dell’articolo in questione, sono stato tempestato di telefonate da parte di parenti e soprattutto da numerosissimi amici, i quali tratti in inganno dall’articolo, pensavano che improvvisamente mi fossi dato alla latitanza, o peggio ancora. Qualche parente si è sentito male e ha dovuto ricorrere alle cure mediche. Di ciò non posso che ringraziare chi con senso dell’umorismo mi ha descritto come desaparecido, perse le tracce dell’ex sindaco…. continua.............

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000