il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Stupro con il vibratore, condannato un 34enne

Ossessionato dalla gelosia ha obbligato la convivente ad un rapporto sessuale, l'ha presa a botte e ha minacciato di bruciarla e sfigurarla con l'acido

Stupro con il vibratore, condannato un 34enne

CREMONA - Ossessionato dalla gelosia, la notte di Capodanno del 2011 obbligò la convivente a un rapporto sessuale con un vibratore, la prese a botte, la minacciò di morte, di bruciarla con la benzina e di sfigurarla con l’acido. Lei riuscirà a liberarsi. In pigiama, scalza e con la bimba di due anni in braccio, troverà riparo in un bar. Tre anni e nove mesi di reclusione per violenza sessuale, lesioni, percosse e minaccia. E’ la condanna che il tribunale, martedì 28 gennaio, ha inflitto a un romeno di 34 anni, tre anni fa arrestato dalla polizia che raccolse l’allarme lanciato dai titolari del bar che soccorsero la povera mamma.

Il presidente Pio Massa, con i giudici Andrea Milesi e Francesco Sora, ha inoltre condannato l’uomo a risarcire i danni alla vittima, fissando una provvisionale immediatamente esecutiva di 12mila euro. L’avvocato di parte civile, Elena Guerreschi, aveva chiesto per i danni patrimoniali e non patiti dalla vittima, un risarcimento complessivo di 177.820 euro. Il pm Lucia Trigilio, nel sottolineare «l’estrema gravità dei fatti», aveva chiesto che il romeno venisse condannato a 7 anni e 9 mesi di carcere, ritenendolo responsabile anche di episodi di violenza accaduti prima di quel maledetto Capodanno. La motivazione della sentenza sarà depositata entro novanta giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

28 Gennaio 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000