il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


PERSICO DOSIMO

Sicurezza, contro i furti anche i politici di pattuglia

Il vice sindaco Superti, gli assessori Pegorari e Antonietti, e il capogruppo di maggioranza Filippo Piccioni a fianco dell'agente Pedrazzini

Sicurezza, contro i furti anche i politici di pattuglia

Superti, Antonietti e Pegorari pattugliano il territorio di Persico Dosimo

PERSICO DOSIMO - Vicesindaco e assessori hanno pattugliato il paese sull’auto dei vigili per prevenire i furti in abitazione. Il Comune ha deciso di avviare una serie di controlli ‘anti razzie’, e quasi tutti i giorni i politici si affiancano all’agente della polizia municipale Daniele Pedrazzini per monitorare i quartieri residenziali. Obiettivo: presidiare il territorio per scoraggiare i malviventi, e avvertire tempestivamente i carabinieri in caso di movimenti sospetti. Perlustrati i quartieri residenziali di Dosimo, Persichello, Persico e delle frazioni. «Non parliamo di ‘ronde’ - dicono in coro vice sindaco e assessori - sono semplicemente dei monitoraggi». Ai pattugliamenti hanno partecipato il vice sindaco Fabrizio Superti e gli assessori Giacomo Pegorari e Fabio Antonietti, ma nel servizio è coinvolto anche il capogruppo di maggioranza Filippo Piccioni.

Leggi di più sul giornale di sabato 18 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

17 Gennaio 2014

Commenti all'articolo

  • M

    2014/01/18 - 07:07

    Non voglio discutere sul fatto delle ronde fatte da civili ma su tutti i delinquenti che NON vengono puniti adeguatamente dalle ridicole leggi italiane. Una maggior severità, espulsioni sicure e carceri dure (anche se Strasburgo rompe i c....ni) potrebbero essere un buon deterrente. Altra possibilità: teniamoci a casa i nostri militari ed utilizziamoli per ronde civili, del resto, al giorno d'oggi, la guerra è qui a casa nostra visto che l'invasione di delinquenti è in atto. Politici SVEGLIA!!!!

    Rispondi

  • Luigi

    2014/01/17 - 22:10

    Il peggio del peggio del peggio. O si è convinti che l'agente sia un povero demente e, di conseguenza, vada accompagnato oppure questi politici (di cui non voglio nemmeno sapere l'orientamento politico) vogliono dimostrare alla popolazione la loro efficenza in vista delle prossime elezioni. In ambo i casi la faccenda è molto triste.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000