il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Anziano percosso e derubato in casa, preso uno degli incappucciati

E' un albanese con diversi precedenti e ha 13 identità differenti, continua la caccia al complice

Anziano percosso e derubato in casa, preso uno degli incappucciati

Carabinieri in via Buoso da Dovara

CREMONA - E' stato catturato dai carabinieri uno dei due rapinatori (un albanese) che martedì 7 gennaio, tra le 17.30 e le 18, hanno malmenato e rapinato un anziano all'interno della sua abitazione in via Buoso da Dovara.

Lo straniero - come hanno spiegato il luogotenente Angelo Foglia e in colonello Cesare Lenti - è un 38enne che è arrivato nel nostro paese 18 anni fa. Sulle sue spalle gravano molti precedenti per rapina, furto e reati contro il patrimonio. Una carriera criminale di una certa rilevanza, con 11 anni di condanna non del tutto scontati. Visti i numerosi episodi criminali di cui si è macchiato durante la sua presenza in Italia, per meglio sfuggire alle forze dell'ordine, l'uomo (K.H.) ha 13 identità differenti. In queste ore sta continuando la caccia al secondo rapinatore incappuciato che vede impegnati carabinieri e polizia.

La dinamica del colpo. I due banditi incappucciati senza scrupoli, sono penetrati nella abitazione dell'85enne e non hanno esitato a spintonarlo e percuoterlo per farsi consegnare i soldi (circa 700 euro). Quando hanno tentato di immobilizzare l'anziano, l'uomo si è ribellato e le percosse gli hanno provocato un trauma cranico, due vertebre incrinate e escoriazioni in varie parti del corpo. L'85enne, infatti, dopo aver avvertito la polizia è stato trasportato in ospedale dagli operatori del 118. I poliziotti sono rimasti a lungo nella casa in cui l'85enne abita con la moglie (assente al momento della rapina) e dopo di loro sono arrivati i colleghi della scientifica per raccogliere ogni traccia utile alle indagini. Mercoledì i carabinieri hanno catturato il bandito albanese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

19 Febbraio 2014

Commenti all'articolo

  • M

    2014/01/10 - 07:07

    Una volta dicevano: masal se fa solo del ben. Purtroppo adesso viviamo in una società di falsi puritani e politici che pensano solo alla legge elettorale. Schifo !!!!

    Rispondi

  • Corrado

    2014/01/09 - 18:06

    E' possibile che nessuno dei nostri politici locali possa presentare una interrogazione parlamentare riguardante l'escalation di furti,rapine, e quant'altro? Questo è il risultato di tagli alle Forze dell'Ordine,tagli sulla sicurezza pubblica, se andiamo avanti di questo passo,anche il semplice cittadino si doterà di armi atte ad offendere. Se è semplice per uno straniero procurarsene......... Saremo il nuovo "Far West" dove i provenienti dall'Est saranno padroni. Questo lerciume va trattato come tale,checchè ne dica la Chiesa,istituzioni pro immigrazione e tutti quei falsi buonisti che si sentono fuori da queste problematiche. Credo che domani andrò a confessarmi........

    Rispondi

  • Giorgio

    2014/01/08 - 19:07

    Igga veramente , non se ne può più . E' una cosa vergognosa e ancora più vergognoso è il fatto che ci siano personaggi delle istituzioni , politiche e religiose che si ostinano a trovare parole di comprensione per questi che oltre ad essere delinquenti sono autentici rifiuti della società . Poi ancora sapete tutti vero perché sono in Italia a delinquere ? Nei rispettivi paesi di provenienza non possono comportarsi così , in quanto li rinchiudono in carcere per il tempo effettivo della pena .

    Rispondi

  • gian carlo

    2014/01/08 - 16:04

    Ogni giorno leggiamo che vengono derubati e percossi onesti cittadini. E' ora di dire basta ed intervenire non solo con calci nel sedere ma con misure molto drastiche. Proviamo a rompere anche a loro 2 vertebre senza però trasportarli in ospedale. .

    Rispondi

  • M

    2014/01/08 - 06:06

    Visto che loro non hanno scrupoli non vedo perché trattarli da persone, vanno presi a calci nel c...o.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000