il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


BUCO APIC IN AULA

L'impiegata modello: 'Prestai 22mila e 500 euro a Feroldi per salvare il posto di lavoro'

L'ex manager è a processo con l'accusa di peculato

L'impiegata modello: 'Prestai 22mila e 500 euro a Feroldi per salvare il posto di lavoro'

L'avvocato Cortellazzi con Franco Feroldi

CREMONA - Non ci sta a passare per il manager infedele dell’Apic, l’ex braccio culturale della passata amministrazione provinciale inghiottito da un di 3 milioni di euro. Non ci sta, Franco Feroldi, il tuttofare dell’associazione, a passare per il ‘furbetto’ che tra il 2005 e il 2007 avrebbe arraffato circa 200mila euro di incassi ricavati dalla vendita dei biglietti staccati al museo civico e alla collezione dei violini (il 50 per cento andava al Comune, l’altro all’Apic).

Accusato di peculato, Feroldi giura di aver avuto così a cuore le sorti dell’associazione che, a sentir lui, «per evitare il macello, poi uscito, io ci ho rimesso una paccata di soldi. Ho persino ricomprato io i beni pignorati della sede». E come lui, ci ha rimesso di tasca propria anche Danila Manotti, l’impiegata modello assunta dal 2000 al 2009, che fece due prestiti personali a Feroldi. «Un assegno di 10mila euro, che poi mi sono stati restituiti, un assegno di 10mila euro, più 2.500 euro in contanti che non ho più visto. Perché glieli ho dati ? Perché di Feroldi mi fidavo e mi fido. Lo stimavo e speravo che potesse risolvere la crisi dell’Apic. Avevo un grande affetto nei confronti di Feroldi, che con noi dipendenti si è sempre dimostrato generoso e giusto. La situazione era critica, il mio lavoro mi piaceva, volevo contribuire per salvare il posto».

Manotti lo afferma, martedì 7 gennaio, davanti al presidente Stella Leone e ai giudici Cristina Pavarani e Francesco Sora, alla seconda udienza del processo incentrato sulle modalità con cui venivano incassati e versati i soldi dei biglietti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

08 Gennaio 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000