il network

Venerdì 02 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


BARZANIGA

Si scatena in trattoria e aggredisce i carabinieri

Arrestato un giovane romeno che prima di essere portato in caserma ha anche danneggiato l'auto di servizio dei militari

Si scatena in trattoria e aggredisce i carabinieri

La trattoria Sgalbazzi a Barzaniga (Google Street View)

BARZANIGA - Dà in escandascenza in trattoria, offende e aggredisce i carabinieri e danneggia la loro auto. Un romeno di 27 anni è stato arrestato quando mancavano pochi minuto alla mezzanotte del primo gennaio.

Il giovane, residente a Soresina, sposato, disoccupato e con precedenti, si trovava all’interno della Trattoria Sgalbazzi con moglie e figlio quando - in base alla ricostruzione dei carabinieri - in preda forse ai fumi dell'alcol, ha iniziato ad infastidire altri avventori del locale. Lo straniero, all'arrivo dei carabinieri, ha offeso ripetutamente i militari e li ha aggrediti causando a due di loro lesioni giudicate guaribili in sei e quattro giorni. I carabinieri di Pizzighettone, coadiuvati dal radiomobile di Cremona e dai colleghi di Castelverde, lo hanno condotto in caserma e prima di essere caricato in macchina, il romeno ha danneggiato la vettura di servizio dei militari graffiandola in più punti.

Sulle spalle del giovane pesano le accuse di violenza, minaccia oltraggio a pubblico ufficiale e danneggiamento automezzo di servizio. Il processo per direttissima è stato celebrato nella mattinata di giovedì 2 gennaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

02 Gennaio 2014

Commenti all'articolo

  • matteo

    2014/01/03 - 10:10

    salve io sono un cittadino italiano e' vorrei che i romeni , le zingare , marocchini tornino a casa loro , se restano qui in italia comanderanno loro , diciamo e votiamo l'italia deve tornare come era una volta senza queste persone ........................................

    Rispondi

  • M

    2014/01/03 - 08:08

    Ma è possibile che tutti i delinquenti romeni siano qui in Italia ? Forse è tempo di prenderli a calci nel c..o e rispedirli a casa loro. Un romeno mi ha spiegato che qui in Italia possono fare quello che vogliono perché non verranno mai puniti come invece succede in Romania. La maggior parte degli italiani la pensa allo stesso modo perché i nostri eletti (leggasi governo) non ci ascoltano? Hanno in mente solo leggi elettorali e cavilli che a noi proprio non ce ne fraga niente.

    Rispondi

  • franco

    2014/01/02 - 12:12

    Ste bàs l'è bele liber cusè almeno per la befana el poos ripetii el soo numer.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000