il network

Venerdì 24 Novembre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

La MOSTARDA
Un fantastico concentrato di “archeologia alimentare” sulle nostre tavole

La MOSTARDA

 

Blog


BATTAGLIA LEGALE

Centro Padane contro lo Stato
Braccio di ferro da 320 milioni

Concessione della Piacenza-Cremona-Brescia: i ministeri all’Economia e alle Infrastrutture trascinati in tribunale

Centro Padane contro lo Stato
Braccio di ferro da 320 milioni
CREMONA - Uno scontro legale tra giganti con in palio 320 milioni di euro circa. La Centro Padane si prepara a trascinare in tribunale lo Stato (i ministeri all’Economia e alle Infrastrutture) per fare in modo che il maxi debito venga pagato. Il principale nodo al centro del braccio di ferro è il solito, che si trascina da tempo: la concessione della Piacenza-Cremona-Brescia, il tratto della A 21 gestito dalla società di San Felice. Il direttore generale di Centro Padane Francesco Acerbi annuncia che le «due diffide» destinate a Roma sono scadute a metà dicembre e sono rimaste senza risposta. La nuova e definitiva mossa, come sempre nei contenziosi di questo tipo, sarà citare lo Stato davanti al tribunale civile. E’ vero che questi scontri legali, dice Acerbi, «non hanno tempi brevissimi ma è anche vero che quando arriva la decisione, in un senso o nell’altro, del giudice, diventa subito operativa».

26 Dicembre 2013