il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


POLITICA

Primarie della Lega, a Cremona e Crema vince Salvini

E' il nuovo segretario nazionale del Carroccio con l'82 per cento dei voti

Primarie della Lega, a Cremona e Crema vince Salvini

Matteo Salvini

CREMONA - Concluse le primarie nella Lega per l’elezione del segretario federale. Questi i risultati: Cremona: 59 voti Matteo Salvini, 10 Umberto Bossi. Crema: 53 Salvini, 43 Bossi.

Le primarie, a livello nazionale, hanno incocornato Matteo Salvini nuovo segretario della Lega. Salvini, ha riferito il responsabile organizzativo Roberto Calderoli, ha raccolto 8.162 voti (pari all'82 per cento), Bossi 1.833. Il congresso della Lega del 15 dicembre a Torino dovrà ratificare l'esito delle primarie

Il profilo del nuovo segretario. Matteo Salvini, dopo Umberto Bossi e Roberto Maroni, sarà il primo segretario federale della Lega non della generazione dei fondatori, ma è proprio all'ombra di quella generazione che è politicamente nato e cresciuto. Per Salvini, assiduo volto tv ma con quell'aria da guastafeste che ha provocato anche tante gaffe, essere stato scelto dai militanti nel giorno del patrono della sua Milano, sant'Ambrogio, potrebbe non essere un caso: è sotto la Madonnina, dove si è sposato due volte e avuto due figli ancora piccoli, che si è fatto largo in questi ultimi vent'anni in una Lega che ha sempre avuto il suo baricentro, ideale ed elettorale, più nell'hinterland e nelle Prealpi che nel cuore della metropoli.
Diciannove anni filati nel Consiglio comunale, per un politico che all'anagrafe ne ha compiuti 40, rappresentano una vita spesa sotto la bandiera del Carroccio. Ha iniziato in maggioranza nel 1993 quando Milano ha avuto il suo primo (e finora unico) sindaco leghista, Marco Formentini, e ha chiuso nel 2012 all'opposizione di Giuliano Pisapia. La sua formazione sul campo è stata lì, fra banchetti, mozioni, trasmissioni su Radio Padania e sopralluoghi a sorpresa nei campi rom, oltre che fra i tifosi del Milan. E se oggi vuole allearsi con Marine Le Pen, nel 1996 al 'parlamento del nord' capeggiava i Comunisti padani. A portarlo in politica, una folgorazione per Umberto Bossi, che per Salvini è ancora «il papà di tutti», quello che «ha visto le cose prima degli altri», non solo sull'indipendenza ma anche sugli effetti dell'euro. Ma il Senatur è anche il maestro da cui ha dovuto emanciparsi, dopo che le divisioni fra il 'cerchio magico' di Gemonio e i 'barbari sognantì di Maroni avevano trasformato i rapporti nella Lega, ancora prima che arrivassero le inchieste giudiziarie. E così Salvini ha cambiato ruolo: eletto segretario della Lega Lombarda dell'era Maroni, nel giugno del 2012, non ha mai però dimenticato l'affetto per Bossi, con cui - ironia - si è trovato a incrociare la spada alle prime primarie padane che lo hanno incoronato oggi.
L'Europa sarà il suo bersaglio, ha promesso. Del resto la conosce bene, Salvini, che è anche parlamentare europeo dal 2009. E prima ancora lo era stato fra 2004 e 2006. A Roma, eletto alla Camera nel 2008, è durato un anno, anche per le polemiche sulle sue uscite. L'idea, in tema di immigrazione, di riservare vagoni della metro ai milanesi. Ma anche il video di una festa a Pontida in cui intonava cori contro i napoletani. Una serie di scivoloni che nelle sezioni leghiste sono state però medaglie al petto di Salvini. Ultimo grande bersaglio, le proposte del ministro dell'Integrazione, Cecile Kyenge. «Ministro del nulla», l'ha definita nella calda estate di quest'anno, annunciando un referendum per l'abrogazione di quel «ministero inutile». Poi non se ne è più parlato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

07 Dicembre 2013

Commenti all'articolo

  • Giacomo

    2013/12/07 - 20:08

    GRANDE GRANDE GRANDE Matteo Salvini e ora via subito ad un GRANDE RINNOVAMENTO......per salvare il Nord senza scordare il Sud e le Isole ! Siamo tutti con te, w i giovani di buonsenso

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000