il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


TRENI E POLEMICHE

I disagi vanno risarciti
Pendolari, sentenza 'pilota'

A 21 viaggiatori della linea Bergamo-Milano è stato riconosciuto il diritto ad un risarcimento di 90mila euro per i disservizi

I disagi vanno risarciti
Pendolari, sentenza 'pilota'

Pendolari alla stazione di Cremona

BERGAMO - Se passasse in giudicato la recente sentenza di primo grado del tribunale di Bergamo che ha riconosciuto a 21 pendolari della linea Bergamo-Milano il diritto ad un risarcimento 90.000 euro per i disagi subiti nei loro viaggi in treno, potrebbe essere un precedente anche per tutti i pendolari italiani.

Ecco il commento del presidente dell'Osservatorio sulle liberalizzazioni nei trasporti, Dario Balotta. "Se da una parte il tribunale riconosce il pessimo servizio di trasporti effettuato da Trenitalia, in questo caso sulla linea Bergamo Milano, dall'altra il risarcimento, se generalizzato, rischia di sbancare le casse pubbliche del gruppo FS. L’indennizzo per i disagi subiti viaggiando con i treni sporchi cosa ampiamente documentata con le fotografie dei viaggiatori, avrebbe un costo di 1 milione e 890mila euro. Se un analogo indennizzo fosse applicato per i 10mila pendolari di questa linea lo Stato si dovrebbe accollare un onere di 900 milioni di euro, tanto quanto il contributo complessivo a Trenord per sussidiare tutti i treni lombardi per due anni consecutivi. Il risarcimento verrebbe cosi pagato da tutti i contribuenti, compresi quelli che non usano il treno, visto che le risorse trasferite al gruppo fs sono interamente pubbliche, come la sua proprietà che è in capo al ministero dell'Economia. Il risarcimento potrebbe avere un significato responsabilizzante, solo se fossero gli stessi maneger aziendali lombardi a pagare di tasca propria. Oppure il rischio sarebbe che per pagare i costi dei risarcimenti si effettuassero consistenti aumenti tariffari che verrebbero pagati ancora dai pendolari stessi. Con aziende pubbliche sussidiate dallo Stato e al riparo di ogni tipo di concorrenza l'intervento della magistratura non basta per migliorare l'efficienza gestionale delle aziende anzi rischia di essere controproducente perché aumenterebbero i costi dei servizi a cui vanno aggiunti i risarcimenti che comunque verrebbero coperti sempre da Pantalone”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

27 Novembre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000