il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SOSPIRO

Mai, il primo museo italiano di 'arte irregolare'

Ospiterà l'arte dei disabili psichici e degli artisti che si esprimono nei termini dell’immediatezza e dell’urgenza creativa

Mai, il primo museo italiano di 'arte irregolare'

La Fondazione Sospiro

SOSPIRO - Villa Cattaneo cambia volto, da sede istituzionale di Fondazione Sospiro si trasforma nel primo museo italiano di ‘arte irregolare’, quella dei disabili psichici o più semplicemente degli artisti che si esprimono nei termini dell’immediatezza e dell’urgenza creativa.

Aprirà i battenti venerdì 13 dicembre alle 18 e si chiamerà ‘Mai’, acronimo di Museo d’Arte Irregolare, ma anche «dichiarazione utopistica di non diventare ‘mai’ un museo tradizionale». Un grande progetto culturale promosso da Fondazione Sospiro e ideato da un gruppo di studiosi guidati dalla storica dell’arte bolognese Bianca Tosatti. Lo gestirà una fondazione autonoma creata ad hoc, guidata da un consiglio d’amministrazione formato dal presidente Giancarlo Maffezzoni (già vice presidente dell’istituto), dalla direttrice del museo Bianca Tosatti e dai consiglieri Fausto Ghisolfi, Bruno Tira ed Elena Porta.L’idea di trasformare l’edificio in un museo, sulla falsariga dei grandi musei europei di ‘arte irregolare’ già attivi a Liegi, Parigi, Losanna e Berlino, è legata alla fiorente attività della ‘Manica Lunga’, l’atelier guidato da Paola Pontiggia e fondato quasi vent’anni fa all’interno di Fondazione, dove un gruppo di ospiti-artisti danno sfogo alla loro creatività.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

19 Novembre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000