il network

Domenica 11 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


LOTTA ALLA MALAVITA

Saviano chiama Cauzzi:
"Li hai messi in galera"

Telefonata dell'autore di 'Gomorra' all'imprenditore cremonese

Saviano chiama Cauzzi:
"Li hai messi in galera"
CREMONA - Si sono sentiti una ventina di giorni fa al telefono. Di qua Roberto Saviano, l’autore del libro-inchiesta Gomorra, di là Lino Cauzzi, l’imprenditore finito nella rete di un clan malavitoso che aveva allungato le mani sui suoi cinque alberghi, tra cui l’Hotel Hermes di Cremona, all’imbocco dell’A21. Lo scorso 9 settembre, Saviano aveva seguito Cauzzi sulla Rai nell’intervista a Presa diretta, poi lo aveva contattato. «Mi ha fatto una bella battuta». Quale? «‘Io ho scritto i libri, tu li hai messi in galera’». Settantuno anni il 15 novembre, Cauzzi ieri si è presentato nell’aula di giustizia per il processo d’appello verso la sentenza, con cui il giudice di pace lo ha condannato a quattrocento euro di mula per aver ingiuriato e minacciato Ennio Fiorini, l’ex direttore di sala dell’Hermes (parte civile con l’avvocato Giuseppe Borelli). Per un impedimento del difensore Giacomo Triolo, il giudice Pierpaolo Beluzzi ha rinviato il processo al 17 febbraio. In aula Cauzzi è arrivato con un faldone pieno di copie di giornali e documenti: raccontano la sua storia di imprenditore taglieggiato, che nel 2006 aveva cinque alberghi e un patrimonio immobiliare da 60milioni di euro «ceduto tutto in una notte, firmando da un notaio, contro la mia volontà, senza ricevere neanche un euro, un atto illecito che ha causato il fallimento delle mie imprese senza la mia responsabilità come ha sentenziato il collegio notarile della Toscana». Da quella vicenda è scaturita una maxi inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Padova, che ha portato al coinvolgimento di 146 persone e culminata nell’arresto di altre quaranta.

04 Novembre 2013

Commenti all'articolo

  • Giacomo

    2013/11/09 - 08:08

    ....

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000