il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Giani restaura gli organi della basilica di San Pietro

Il maestro di Corte de' Frati ha terminato un intervento di straordinaria portata storico-artistica

Giani restaura gli organi della basilica di San Pietro

Giani e il lavoro di restauro all'interno di San Pietro

CREMONA - Cambiano i Papi, ma Daniele Giani rimane l’organaro preferito dal Vaticano. D’altra parte l’artigiano cremonese è da tempo tra i più rinomati. Dopo aver realizzato il nuovo strumento a canne per il palazzo del Governatorato del Vaticano, il maestro di Corte de’ Frati ha appena ultimato il restauro degli antichi organi del Coro della Basilica di San Pietro, un intervento di straordinaria portata storico-artistica.

I due organi sono stati progettati nel 1890 dall’organaro perugino Nicola Morettini e realizzati nei due anni sucessivi. Quello di sinistra, che porta lo stemma della Reverenda Fabbrica di San Pietro, fu commissionato dal Capitolo per il sostegno delle voci dei Canonici mentre quello di destra, che porta lo stemma di papa Leone XIII, fu commissionato per il sostegno del coro dell’antica Cappella Giulia. Si tratta di due organi dotati di due tastiere ciascuno con 27 e 29 registri e pedaliere estese di 30 note che comandano rispettivamente 2300 e 2700 canne.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

TUTTI I DETTAGLI SULL'EDIZIONE CARTACEA IN EDICOLA LUNEDI' 4 NOVEMBRE

03 Novembre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000