il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Spende 1.750 euro in 8 minuti con una carta rubata, denunciato

Pizzicato mentre tenta di incassare un assegno in banca

Spende 1.750 euro in 8 minuti con una carta rubata, denunciato

CREMONA - E' stato denunciato dalla polizia l'uomo che aveva rubato una carta di credito e un bancomat e portato a termine acquisti per 1.750 euro in soli otto minuti.

Tutto inizia verso le 9.15 di lunedì, quando un equipaggio della Volante della polizia si reca presso la filiale della Banca Popolare di Cremona in piazza della Libertà doveva due persone avevano cercato di incassare un assegno riconducibile ad un reato. Gli agenti sono riusciti ad intercettare i due soggetti mentre uscivano dalla banca. Presi contatti con il direttore della filiale, questi riferiva che in mattinata si era recato presso i loro sportelli un cliente, uno dei soci di una sala da gioco in via Mantova, che aveva raccontato di aver fatto denuncia presso la questura per una vicenda avvenuta nel suo locale nei giorni precedenti. Due persone, mediante l’utilizzo di una carta di credito, avevano effettuato delle giocate per un ammontare complessivo di circa 1.700 euro riuscendo a totalizzare una vincita di circa 5.000 euro che era stata pagata mediante assegno. Soltanto nei giorni successivi, l’uomo, attraverso La Provincia, era venuto a conoscenza dell’avvenuto furto, nella serata di giovedì, di una carta di credito e di un suo illecito utilizzo per un importo corrispondente a quello consumato nel suo locale. Grazie alla sua collaborazione i due ‘giocatori’ una volta che si sono presentati presso lo sportello bancario sono stati segnalati alle forze dell’ordine. Sui due malviventi, accompagnati in questura, sono stati effettuati numerosi accertamenti al termine dei quali, uno dei due, (Z.O. piacentino di 46 anni), è stato denunciato per il reato di ricettazione e uso fraudolento di carta di credito. Sono ancora in corso attività finalizzate ad acclarare eventuali altre responsabilità.

Il furto risale a giovedì scorso. Un giovane, al Cambonino, lascia la propria auto nel parcheggio vicino alla tangenziale, a poche decine di metri dal campo sportivo dove il derubato sta facendo allenamento. Carta di credito e  Bancomat vengono arraffati da un portafoglio lasciato dentro l’abitacolo dell’auto, dove i ladri erano entrati dopo aver spaccato un vetro. Tutto avviene tra le 19.30 e le 21, ora in cui la vittima del doppio furto si accorge dell’incursione e con una telefonata al numero che controlla le transazioni fatte con moneta elettronica blocca le carte rubate. L’uomo credeva che fosse finita lì. Anche perché nell’abitacolo era rimasto il portafoglio con gli altro effetti personale e perino il contante, novanta euro. Poi, però, è venuta a galla la verità. Nell’arco di otto minuti, tra le 20.45 e le 20.53, dunque pochi minuti prima del blocco della carta, il ladro era riuscito a completare tre acquisti da 500 euro e un quarto da 250 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO


05 Novembre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000