il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Atti osceni: Cassarà sul banco degli imputati

Processo in corte d'appello per l'ex campione olimpico

Atti osceni: Cassarà sul banco degli imputati
CREMONA - Dalla pedana al banco degli imputati. Dall’oro vinto il 12 agosto nel fioretto a squadre ai Mondiali di scherma di Budapest (Ungheria), all’aula della seconda sezione della corte d’appello di Brescia, che il 22 novembre prossimo dovrà stabilire se Andrea Cassarà abbia o no compiuto atti osceni nei confronti di una donna, il 30 agosto del 2007 in via dell’Annona a Cremona. Reato per il quale lo schermidore bresciano tesserato per la società CS Carabinieri, già medaglia d’oro nel torneo di fioretto a squadre e bronzo individuale alle Olimpiadi di Atene del 2004, il 23 novembre del 2009 fu condannato in primo grado dal giudice Pierpaolo Beluzzi a tre mesi di reclusione e a risarcire la vittima, parte civile con l’avvocato Michela Soldi, mille euro di danni. Il processo si era celebrato con il rito abbreviato e la sentenza era stata appellata dagli avvocati Elena Frigo e Massimo Bonvicini.

31 Ottobre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000