il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Arvedi ingegnere honoris causa

La laurea conferita dal Politecnico di Milano

Arvedi ingegnere honoris causa

Giovanni Arvedi

La Facoltà di Ingegneria del Politecnico di Milano ha conferito oggi a Giovanni Arvedi, fondatore e Presidente dell’omonimo Gruppo siderurgico, la Laurea Honoris Causa in Ingegneria Meccanica. La cerimonia di consegna del riconoscimento è avvenuta presso la Facoltà di Ingegneria alla presenza del Magnifico Rettore, Prof. Giovanni Azzone, del Preside della Scuola di Ingegneria Industriale e dell’Informazione, Prof. Giovanni Lozza e di altri rappresentanti del mondo accademico, politico e dell’imprenditoria.  
Il Gruppo Arvedi ha da sempre costanti e proficui legami con il mondo accademico con il quale collabora attraverso gruppi di ricercatori operanti nelle principali Università italiane e internazionali allo sviluppo di nuove tecnologie, nuovi processi produttivi e nuovi prodotti per il settore siderurgico e meccanico. “Sono estremamente onorato – ha spiegato Giovanni Arvedi, durante il suo intervento – di ricevere oggi questo importante riconoscimento dal Politecnico di Milano. Lo considero il frutto di un’ideale unione tra la mia visione professionale ed umana del lavoro e le capacità ingegneristiche che siamo riusciti a sviluppare in concrete innovazioni che hanno profondamente trasformato la siderurgia a livello mondiale, con il valido supporto di tutti i lavoratori e collaboratori e l’indispensabile apporto del mondo accademico italiano ed europeo”. 
Giovanni Arvedi, classe 1937, fonda cinquanta anni fa a Cremona l’omonimo gruppo siderurgico oggi tra le realtà di spicco - in particolare dal punto di vista tecnologico - del settore a livello mondiale. La Laurea conferitagli oggi rappresenta un altro importante traguardo che va a suggellare una carriera straordinaria. Nel 1984 è nominato Cavaliere del Lavoro (il più giovane nel novero di tale onorificenza). L’innata vocazione innovativa, sorretta da grandi capacità lo hanno indotto nel corso degli anni a brevettare nuove tecnologie oggi studiate in tutto il mondo, la prima (negli anni ’80) denominata Arvedi ISP (In-line Strip Production) e la seconda più di recente (2006) Arvedi ESP (Endless Strip Production) con la quale Arvedi diventa il primo imprenditore siderurgico al mondo a realizzare un sistema di colaggio e laminazione in continuo dell’acciaio per la produzione di nastri. Tra gli altri premi ottenuti da Arvedi si ricordano la “medaglia di acciaio Federico Giolitti” assegnatagli dall’Associazione Italiana di Metallurgia nel 1988; la Laurea Honoris Causa in Gestione d’Azienda conferita nel 2006 dall’Università Cattolica del Sacro Cuore; la Bessemer Gold Medal, il più importante riconoscimento mondiale per chi contribuisce in modo significativo all’innovazione dell’industria siderurgica, conferita nel 2009 dall’Institute of Materials, Minerals & Mining di Londra (UK); la medaglia “Carl Lueg”, massima onorificenza tedesca nell’ambito dell’acciaio conferitagli nel 2012 dallo Stahlinstitut VDEh, l’associazione dei siderurgici tedeschi; il premio Queen Elizabeth II, premio assegnato nella primavera del 2013 dallo IOM3 (Institute of Materials, Minerals & Mining di Granthan – UK) per l’innovazione tecnica con un impatto globale a beneficio anche dell’umanità. Inoltre, il grande impegno profuso da Arvedi nel progetto del Palazzo interamente e fedelmente recuperato a Cremona, oggi sede del Museo del Violino, gli è valso nell’aprile 2013 il conferimento, con decreto del Presidente della Repubblica, del diploma ai benemeriti della cultura e dell’arte da parte del Ministro dei Beni Culturali Lorenzo Ornaghi. Sempre nel corso di quest’anno a New York gli è stato assegnato il “Willy Korf/Ken Iverson Steel Vision Award” per il suo contributo all’industria siderurgica mondiale.
Il Gruppo Arvedi, una delle più significative realtà siderurgiche a livello europeo, è attivo nella produzione di coils laminati a caldo decapati e zincati, di tubi di acciaio al carbonio e inossidabile, di rilaminati inossidabili di precisione e nel commercio di prodotti siderurgici. Il gruppo nel 2012 ha registrato un fatturato di 2.186 milioni di euro e occupa circa 2.200 dipendenti.

30 Ottobre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000