il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Ospedale, fallita la trattativa
Gli straordinari restano bloccati

Incontro in prefettura tra sindacati e azienda, ma ognuno rimane sulle proprie posizioni

Ospedale, fallita la trattativa
Gli straordinari restano bloccati

CREMONA - Rimane bloccato il pagamento delle ore di straordinario ai dipendenti dell'ospedale di Cremona. In prefettura, martedì mattina, si è tentata una mediazione tra le parti, ma la trattativa tra sindacati e azienda si è arenata.

L'incontro, presieduto dal prefetto Paola Picciafuochi, aveva lo scopo di tentare la conciliazione richiesto dalle Organizzazioni sindacali Cgil Fp, Cisl Fp, Uil Fpl e dalla Rsu dell’Azienda Ospedaliera di Cremona a seguito dello stato di agitazione indetto per il mancato pagamento di parte delle ore di straordinario effettuate dal personale dipendente nel 2012.

Al riguardo, il personale dirigente degli Istituti Ospitalieri di Cremona ha spiegato che l’Azienda, non avendo a disposizione risorse di bilancio, può far fronte al pagamento dello straordinario del 2012 ancora da pagare solo attingendo al Fondo del Direttore Generale, che costituisce il 10% del Fondo di produttività del’Azienda. La proposta è stata considerata inaccettabile dai vertici sindacali poiché le risorse del Fondo di produttività apparterrebbero a tutto il personale ed in quanto da anni lo stesso ha manifestato alla Direzione la necessità di procedere ad una riorganizzazione del lavoro che consenta di poter reperire maggiori risorse. D’altro canto i dirigenti dell’Azienda hanno sottolineato che dal mese di maggio 2013 è stato avviato il piano di riorganizzazione degli istituti ospitalieri (verifiche dei turn-over, part-time, straordinari ecc…) i cui risultati saranno visibili solo dal 2014.

La trattativa si è arenata, ognuno è rimasto sulle proprie posizioni e la tensione continua.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

22 Ottobre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000