il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


PIZZIGHETTONE

La scuola chiede un contributo, in cento non pagano: bimbi non potranno andare in gita

Istituto senza soldi e le famiglie non hanno versato una quota facoltativa e l'assicurazione

La scuola chiede un contributo, in cento non pagano: bimbi non potranno andare in gita

La scuola Enrico Fermi a Pizzighettone

PIZZIGHETTONE - La scuola lamenta una cronica carenza di fondi, ma le famiglie sono oppresse dalla crisi. E così, all’istituto che chiede un contributo volontario ai genitori dei 600 studenti dell’Enrico Fermi, dopo che il consiglio d’istituto ha deliberato aumenti annui da 5 a 10 euro, ben più di 100 rispondono di no. Tante sono infatti le famiglie che non hanno pagato la quota facoltativa e l’assicurazione (dai 20 ai 30 euro annui), alle quali in questi giorni stanno arrivando i solleciti mediante lettere personali e avvisi pubblici affissi a scuola.

«Il problema - spiega la dirigente Maria Caterina Citterio - è che gli alunni scoperti da assicurazione non potranno partecipare alle uscite didattiche: dovranno restare in classe. Questo dispiace molto. La crisi è pesante, quindi non intendo insistere sulla richiesta del contributo, seppur importante per noi: faremo con quanto abbiamo. Ma chiedo almeno che tutti paghino l’assicurazione. In caso di gravi e documentati problemi economici potrà intervenire la scuola. E chi ha già un’assicurazione privata può presentarne copia». Non ci sono però solo le difficoltà economiche dietro i mancati pagamenti. C’è anche la consapevolezza che si tratta pur sempre di scuole dell’obbligo e alcuni motivano il rifiuto con l’obbligatorietà dell’istruzione totalmente gratuita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

21 Ottobre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000