il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA - LA PROTESTA DEI DIPENDENTI

Stato di agitazione
all'ospedale Maggiore

Stato di agitazione
all'ospedale Maggiore
CREMONA - I dipendenti dell'ospedale Maggiore proclamano lo stato di agitazione. La notizia viene diffusa da Giacomo Bazzani, delegato RSU Azienda Istituti Ospitalieri di Cremona. Ecco il testo. "La decisione assunta dalle Segreterie provinciali FP CGIL, FPL UIL FPS CISL e dalla RSU Aziendale è conseguente al mancato rispetto delle intese firmate in materia di ore straordinarie anno 2012. L’Azienda ha negato il pagamento delle ore con la mensilità di ottobre, nonostante un accordo già sottoscritto in tal senso, come conseguenza della mancata accettazione da parte del sindacato e della RSU della proposta aziendale di corrispondere quanto dovuto ai dipendenti utilizzando il fondo della produttività dei dipendenti dell’anno 2013. L’ azienda ha dichiarato peraltro di non sapere dove reperire i soldi. Al riguardo FP CGIL, FP CISL, FP UIL e la RSU aziendale rammentano che il fondo destinato al pagamento del lavoro straordinario risulta ormai da anni economicamente inadeguato a causa dell’attuale organizzazione del lavoro, responsabilità diretta della Direzione Aziendale, e degli organici a disposizione che non sono più sufficienti a garantire quanto indicato dalle normative (non ultime quelle sulla sicurezza dei lavoratori e dei pazienti) e dal contratto nazionale. Un contratto nazionale ormai scaduto dal 2009 e che, se confermata la manovra finanziaria in discussione in questi giorni, potrebbe non essere rinnovato fino a tutto il 2017. Lunedì 21 ottobre alle ore 11,00 CGIL, CISL e UIL insieme alla RSU aziendale chiederanno in sede di conciliazione dal Prefetto che il lavoro svolto venga pagato! Le lavoratrici e i lavoratori dell’ azienda ospedaliera, per garantire servizi pubblici di qualità, hanno bisogno di essere riconosciuti come titolari di diritti, oltre che responsabili di doveri, a partire dal riconoscimento del giusto salario per il lavoro che svolgono".

18 Ottobre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000