il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


GESTIONE RIFIUTI

Rifiuti dal sud della Lombardia, il Pd: 'Il sindaco chiarisca'

Il gruppo dei democratici ha presentato un'interrogazione in consiglio comunale

Rifiuti dal sud della Lombardia, il Pd: 'Il sindaco chiarisca'

L'inceneritore in via San Rocco a Cremona

CREMONA - Il progetto dell’Aem di fare dell’inceneritore di via san Rocco la ‘grande stufa’ del Sud Lombardia arriva in consiglio comunale. Il gruppo del Pd ha presentato un’interrogazione (firmata da Alessia Manfredini, Maura Ruggeri, Caterina Ruggeri e Roberto Poli) in cui chiedono al sindaco e alla giunta chiarimenti sulle indiscrezione pubblicate nei giorni scorsi. Nel frattempo, dall’ex municipalizzata arrivano altre conferme che la strada allo studio sia quella di ammodernare l’inceneritore. Anche se non filtrano cifre precise, si parla di un’operazione da 70-80 milioni.

Nell'interrogazione, i democratici ricordano che "in data 25 settembre la giunta approva la delibera 'adesione del Comune di Cremona alla deliberazione del consiglio regionale X/63 inerente gli interventi in materia di rifiuti' con un emendamento proposto in sede di commissione ambiente dal Pd e in data 30 settembre il consiglio comunale vota a favore (con un solo voto di astensione) la delibera sopracita, in cui si prevede tra l’altro di escludere interventi sull’impianto di termo combustione di via San Rocco che richiedano, ai fini della compatibilità economica dell’intervento, un costante conferimento di rifiuti da incenerire, approvando solo progetti tesi a migliorare il funzionamento dell’impianto stesso e delle emissioni in atmosfera e chiedere al gestore analisi e valutazioni di soluzioni impiantistiche del trattamento del rifiuto residuo diverse dall’incenerimento e dal conferimento in discarica".

Dopo la ricostruzione dei fatti e ricordato «che Aem è una partecipata al cento per cento del Comune e dovrebbe attuare gli indirizzi politici decisi dal consiglio comunale», il gruppo del Pd pone al sindaco una serie di domande: «Corrispondono al vero quelle notizie? Intende acquisire tutta la documentazione sull’inceneritore, comprese le ultime comunicazioni tra Aem e Regione Lombardia? Non pensa che sia doveroso, per rispetto del voto del consiglio comunale, prendere le distanze da qualunque scelta se ne discosti e agire di conseguenza?». Ancora: «Quali valutazioni sono state fatte sinora? Si intende promuovere momenti di partecipazione con i cittadini sui temi che riguardano il futuro dei rifiuti in provincia di Cremona?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

10 Ottobre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000