il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


SESTO ED UNITI

Cranio di rinoceronte preistorico, indagato l'autore del ritrovamento

Il pm contesta la ricettazione di reperti paleontologi, la mancata denuncia dei ritrovamenti e le ricerche clandestine lungo il Po

Cranio di rinoceronte preistorico, indagato l'autore del ritrovamento

Il cranio di rinoceronte preistorico ritrovato sulle rive del Po

SESTO ED UNITI - Aveva trovato sulle sponde del Po un cranio di rinoceronte preistorico e dopo aver fatto la storica scoperta ha donato il reperto al museo di San Daniele Po. Ora, il cuoco in pensione di Sesto è indagato dalla procura per aver violato il codice dei beni culturali e per ricettazione.

Lo ha scoperto venerdì scorso, quando gli inquirenti si sono presentati a casa sua con in mano il decreto di perquisizione e di sequestro firmato dal pm Fabio Saponara. In particolare, al pensionato si contesta di aver alienato il cranio di rinoceronte senza la prescritta autorizzazione, di aver eseguito ricerche archeologiche e, in generale, e di non aver denunciato i reperti trovati, tra cui, oltre al cranio di rinoceronte, un cranio di mammut e una spada. Inoltre, il pm gli contesta di aver ricettato i reperti di natura paleontologica, provento di scavi e o ricerche clandestini lungo le sponde del Po. «Il mio assistito - ha spiegato l’avvocato Franco Antonioli - ha agito nell’ignoranza della legge che obbliga a denunciare il ritrovamento all’autorità entro ventiquattro ore. Inoltre, non essendo un esperto, non aveva nemmeno capito subito di che cosa si trattasse».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

07 Ottobre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000