il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASA OCCUPATA IN VIA PLATINA

Amore assicura: 'Alloggi entro l'anno, ma le regole vanno rispettate'

Incontro tra l'assessore e il comitato antisfratto, intanto l'occupazione continua

Amore assicura: 'Alloggi entro l'anno, ma le regole vanno rispettate'

La casa occupata in via Platina

CREMONA - «Le regole vanno rispettate, così come le graduatorie». E’ stato chiaro l’assessore ai Servizi sociali Luigi Amore che ha incontrato i rappresentanti del comitato antisfratto che sabato ha occupato una palazzina comunale con appartamenti sfitti in via Platina. Occupazione che, comunque, andrà avanti.

L’assessore ha assicurato che «entro l’anno saranno disponibili 200 alloggi da assegnare (metà del Comune e metà dell’Aler). Alcune abitazioni necessitano di interventi di manutenzione e potremmo valutare l’ipotesi di ‘scontare’ i canoni d’affitto qualora le piccola riparazioni vengano fatte dai condomini. Occorre anche ricordare che vi sono lavori già appaltati per 1,7 milioni di euro per la palazzina di via Platina».

Presenti all’incontro tra Amore e il comitato antisfratto (con Gianluca Rossi), il dirigente dei lavori pubblici, Marco Pagliarini e l’architetto Ruggero Carletti. Rossi, che ha avuto un’impressione positiva rispetto all’incontro, ha anche aggiunto: «Ci rendiamo conto che l’occupazione non è legale, ma è legittimo lasciare per strada intere famiglie che hanno diritto alla casa? Il nostro scopo è quello di richiamare l’attenzione su una situazione drammatica che deve finire, visto che in città gli alloggi ci sono e tra Comune e Aler si possono trovare intese per rimetterli, a prezzi sociali, sul mercato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


07 Ottobre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000