il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


MANTOVA CREMONA MILANO

Maltempo, guasti e disservizi
Nuovo inferno per i pendolari

Un problema ai passaggi a livello tra Mantova e Castellucchio: quattro treni verso il capoluogo meneghino in ritardo

Maltempo, guasti e disservizi
Nuovo inferno per i pendolari

Pendolari in stazione lunedì 7 ottobre

CREMONA - Un inizio settimana infernale per i pendolari della Cremona-Milano. Il maltempo ha provocato guasti e disagi a raffica e i convogli diretti verso il capoluogo meneghino hanno accumulato ritardi fino ad un’ora. Puntuale, solo quella, la rabbia e l’esasperazione dei viaggiatori cremonesi che quasi quotidianamente si scontrano con simili disservizi.

I ritardi che si sono accumulati nel corso della mattinata dipendono da un guasto ai passaggi a livello tra Mantova e Castellucchio. Problema che è stato risolto intorno alle 8.30. Nel frattempo, però, i convogli che si sono trovati a transitare lungo la Mantova Cremona Milano hanno accumulato ritardo a causa del lento ritorno alla normalità della circolazione. Si tratta di quattro convogli che sono giunti in Centrale tra i 25 e i 45 minuti oltre l'orario previsto.

«Mi è stato segnalato che anche questa mattina i pendolari della linea ferroviaria Mantova-Cremona-Codogno sono stati vittime di ritardi dovuti al guasto di un passaggio a livello tra Mantova e Castellucchio. La situazione sta diventando insostenibile e ho chiesto a Rfi di intervenire con la massima attenzione, al fine di risolvere le criticità legate a una linea il cui malfunzionamento si ripercuote quotidianamente su centinaia di cittadini». Così l'assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno interviene in merito ai ritardi di oltre 30 minuti che, anche questa mattina, hanno dovuto subire i pendolari della linea Mantova-Cremona-Codogno. «Proprio la scorsa settimana - conclude Del Tenno - siamo stati a Cremona, per confrontarci con il territorio e anche i referenti di Rfi hanno riconosciuto la necessità di interventi straordinari di manutenzione, solo in parte attuati, e di ammodernare la linea con provvedimenti strutturali. Li incontrerò nuovamente, per essere certo che l'impegno preso venga rispettato e che non si debbano più registrare ritardi dovuti a questo genere di guasti»

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO


07 Ottobre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000