il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


BLITZ DEI CARABINIERI ALL'ALBA

Faida nella cosca mafiosa
Un arresto a Rivolta d'Adda

Salvatore Navanteri in manette insieme alla moglie: cercava rifugio dopo aver perso un occhio in un attentato

Faida nella cosca mafiosa
Un arresto a Rivolta d'Adda
RIVOLTA D'ADDA - Alle 4.30 sono finiti in manette Salvatore Navanteri e sua moglie Luisa Regazzoli. Si erano rifugiati a Rivolta d’Adda, in un’anonima stradina, al fine di sottrarsi alle 'lupare' catanesi del clan D'Avola. Dopo un’accurata ricerca, vagliando i dati forniti dalle attività investigative, alle prime luci dell’alba gli uomini del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Cremona hanno bussato alla porta del pluripregiudicato siciliano, che inizialmente ha finto di non essere in casa, probabilmente per accertarsi della reale identità dei militari. L'8 agosto scorso a Francofonte (SR), Navanteri era scampato miracolosamente ad un attentato, a causa del quale ha perso un occhio ed è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico. Oltre a lui, la magistratura catenese ha disposto il fermo di altre nove persone, tutte arrestate lontano dai loro usuali domicili, verosimilmente per evitare possibili rappresaglie. Causa di tale attentato, una scalata nel controllo dei territori dei comuni di Vizzini e Francofonte da parte di Navanteri a scapito del clan rivale di Michgele D'Avola, detto 'O cucchiarino', attualmente in carcere; proprio questo evento deve aver ingenerato in Navanteri l’erronea convinzione di poterne facilmente prendere il posto nell’organizzazione, fatto che ha scatenato la faida. Gli investigatori ritengono che fossero in atto preparativi per ulteriori blitz da parte di entrambi i sodalizi criminosi, al fine di 'annientare' i rivali. La pronta reazione della Direzione Distrettuale Antimafia e del Reparto Operativo di Catania ha evitato lo spargersi di altro sangue, assicurando alla giustizia dei pericolosi criminali. L'operazione partita dalla città etnea ha portato all'arrestato di: Antonino Alfieri, 55 anni; Alfio Centocinque, 31; Salvatore Guzzardi, 32 anni; Salvatore Navantieri, 58 anni; Cristian Nazionale, di 26; Luciano Nazionale, 23 anni; Michele Ponte, 41 anni; Luisa Regazzoli, di 54; Tommaso Viana, di 48 anni. 

19 Settembre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000