il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Colpo alla farmacia Zamboni, preso il rapinatore a Brescia

Giovedì pomeriggio aveva seminato panico e terrore irrompendo nel negozio con coltello e pistola

Colpo alla farmacia Zamboni, preso il rapinatore a Brescia

La farmacia Zamboni di via Oglio subito dopo la rapina

CREMONA - Preso a Brescia il rapinatore della farmacia Zamboni di via Oglio, laterale di viale Po. L'uomo è stato catturato dalla squadra mobile della polizia nella città della Leonessa dopo il colpo messo a segno nel pomeriggio di giovedì. Oltre le sbarre è finito D.P. cremonese di 49 anni, un pregiudicato, un uomo indicato dagli inquirenti come «socialmente pericoloso» e con problemi legati alla droga.

I tratti salienti dell’indagine-lampo sono stati delineati ieri pomeriggio in questura nel corso della conferenza stampa tenuta dal capo di gabinetto, vice questore aggiunto Adele Belluso, e dall’ispettore superiore della squadra Mobile Giuseppe Coppolino. Decisivi gli elementi raccolti nell’imminenza del colpo, ore durante le quali, su disposizione del questore, Vincenzo Rossetto, sono scattati controlli a tappeto in tutta la città. Da rimarcare anche l’importanza di quanto ottenuto grazie alle immagini registrate dalle telecamere installate all’interno della farmacia.

Il rapinatore aveva fatto irruzione intorno alle 16 di giovedì armato di coltello e pistola, seminando panico e terrore tra dipendenti e clienti. Dopo aver messo le mani nella cassa aveva chiuso tutti in bagno per garantirsi la fuga. Nell'uscire aveva incrociato la farmacista e non aveva esitato a puntarle la pistola alla testa per costringerla a farsi accompagnare in auto a Brescia. A causa dell'esitazione della donna, l'uomo aveva subito rivolto le proprie attenzioni ad un ragazzino che passava da via Oglio in bicicletta. Istantaneamente aveva strappato la due ruote al giovane, gettandogli 100 euro a titolo di 'risarcimento'.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

06 Settembre 2013

Commenti all'articolo

  • 2013/09/11 - 22:10

    uomo socialmente pericoloso e con problemi di droga...........e dove stava?ma ovviamente libero e in circolazione.Anzi,gli diamo pure le cure gratis al SERT dove magari andrà a minacciare e malmenare qualche infermiere,ma va bene così.Questo paese mi fa sempre più schifo e assomiglia sempre più ad uno stato sudamericano dove ognuno fa i propri comodi.Avanti gente venite in Italia,qui vi divertirete a rapinare,rubare e delinquere e il giorno dopo,dopo qualche burocratica e inutile schedatura,sarete di nuovo liberi................che schifo !!!

    Rispondi

  • gian carlo

    2013/09/06 - 16:04

    Ora che il rapinatore è stato preso cosa succederà?? Come al solito verrà condannato e subito rilasciato così è pronto per un nuovo colpo. Le forze dell'ordine rischiano la vita e la magistratura lo condanna per qualche mese però nel contempo lo mette in libertà. Che vergogna!!!!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000