il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Il Papa al vescovo Lafranconi
'Non mangi troppo torrone'

Grande entusiasmo a Roma per i 450 cremonesi presenti in piazza San Pietro per l'udienza di Francesco

Il Papa al vescovo Lafranconi
'Non mangi troppo torrone'

Papa Francesco in piazza San Pietro

ROMA - C’erano anche 450 cremonesi tra le circa 50mila presenze che mercoledì 4 settembre si sono radunate in piazza San Pietro per l’udienza di papa Francesco. Tra i pellegrini tanti lombardi: oltre ai cremonesi insieme al vescovo Dante Lafranconi, a Roma per il pellegrinaggio diocesano in occasione dell’Anno della Fede, c’erano anche i fedeli delle chiese di Crema e Lodi con i presuli Merisi e Cantoni. Presente anche il cremonese dom Carmelo Scampa, vescovo di São Luís de Montes Belos, in questi giorni a Roma per motivi di carattere pastorale.

Nelle parole di papa Francesco il ricordo dei giorni della Gmg di Rio, ma anche la prossima giornata di digiuno e preghiera per la Pace. Al termine dell’Udienza l’incontro tra il Santo Padre e i vescovi. L’occasione per esprimere l’affetto e la devozione della Chiesa cremonese al Santo Padre che, come nel suo carattere, ha risposto a mons. Lafranconi con una battuta: «Non mangi troppo torrone!».

I cremonesi in piazza. Già dalla prima mattina, i pellegrini cremonesi a Roma per il pellegrinaggio diocesano in occasione dell’Anno della Fede hanno iniziato a prendere posto nei diversi settori di piazza S. Pietro. C’erano le 150 persone che hanno scelto il viaggio di quattro giorni (dal 2 al 5 settembre) guidato dal Vescovo e dal responsabile del Segretariato diocesano pellegrinaggi don Roberto Rota: fedeli dell’unità pastorale di Isola Dovarese-Pessina-Villarocca-Stilo de’ Mariani e delle parrocchie di Agnadello, Trigolo, Villacampagna-Cumignano sul Naviglio-Ticengo, Pizzighettone, Brignano, Castelverde, Caravaggio, Vicoboneghisio-Cappella di Casalmaggiore-Caminata. Insieme a loro quanti hanno optato, invece, per la proposta di più breve (caratterizzata dalla sola trasferta romana): è il caso di Castelleone e Motta Baluffi. A questi due gruppi si sono aggiunti i fedeli delle comunità di Cassano San Zeno, Pandino, Casalbuttano e Sospiro, che hanno seguito un itinerario autonomo, unendosi però al gruppo diocesano per le diverse liturgie e naturalmente per l’udienza papale. Presenti anche diversi fedeli della città di Cremona e il gruppo di Fontanella con i cresimandi. Giovedì 5, dopo la visita alla basilica di San Pietro, il gruppo guidato dal vescovo partirà alla volta di Orvieto (con tappa al Duomo della cittadina umbra dove è custodito il corporale del Miracolo di Bolsena) prima del rientro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

04 Settembre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000