il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


STAGNO LOMBARDO

La cascina delle rondini

L'edificio rurale in golena accoglie 350 esemplari distribuiti in 60 nidi

La cascina delle rondini

STAGNO LOMBARDO — Una cascina in golena immersa nel verde ed un amore innato per la natura: questi i due tratti distintivi di Antonio Menta, 78enne agricoltore che da sempre ospita centinaia di rondini. «La cascina delle rondini» era stata definita alcuni anni fa, e non per niente: oggi qui ce ne sono più di 350, che ‘alloggiano’ in oltre 60 nidi sparsi nella stalla dell’asino ‘Francis’, nei garage e sotto i porticati. E proprio qui a ‘Cascina Suore’, un ex convento, lo scorso febbraio sono giunti biologi e studiosi in team dall’Università di Milano per inserire questo angolo di Pianura Padana in una ricerca sugli uccelli migratori. Gli studiosi giunti a febbraio non sono ancora tornati «ma — precisa Antonio — ci pensa mio nipote a comunicargli quello che succede. Mi spaventa l’idea che mettano un microchip alle ‘mie’ rondini: ho paura che si possano far male alle ali se le prenderanno con le reti». Ogni giorno l’uomo, che vive con la moglie Silvana e 5 fidati cani, controlla che le sentinelle della primavera stiano bene, si preoccupa di fare trattamenti specifici ed innocui contro i parassiti «se hanno le pulci si agitano ed i piccoli cadono dal nido» spiega Menta. «Qui stanno bene, hanno tutto quello che gli serve e poi io amo la natura, gli animali. Pensi che quando andavo in giro col camion se vedevo una lumaca in mezzo alla strada mi fermavo a spostarla». E poi la sera prima di andare a letto si premura di chiudere le finestre con apposite reti costruite ad hoc per tenere alla larga dai nidi barbagianni e civette. Non che gli altri uccelli non siano i benvenuti: qui ne sono giunti alcuni feriti, che ‘Toni’ ha curato. «Un barbagianni aveva un’ala rotta. Con un pezzo di metro da muratore gliel’ho steccata e mia moglie lo imboccava. Quando l’abbiamo lasciato libero volava più in alto della torre di Stagno». Ogni anno quindi a marzo è grande festa quando giungono le prime rondini, che restano poi fino a settembre, dopo aver ‘svezzato’ due nidiate. «A volte restano fino dopo metà ottobre, perché ci sono i novellini della terza nidiata» precisa Antonio, che conclude «A chi dice che sporcano, rispondo di guardare quanto inquina l’uomo. Chi sporca di più?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

15 Agosto 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000