il network

Domenica 04 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


ALLA MAGINOT

Amianto sbriciolato e abbandonato

Ignoti hanno spaccato l'eternit con un martello, sottoponendosi ad un grave rischio per la salute, per scaricare più facilmente i rifiuti in modo abusivo

Amianto sbriciolato e abbandonato

Alcuni sacchi contenti amianto sbriciolato

MONTICELLI - Altra odiosa discarica abusiva in golena: stavolta si tratta di una quindicina di sacchi di cartone contenenti frammenti di amianto, quasi certamente provenienti da un vecchio tetto. Per sbarazzarsene senza sostenere lo smaltimento a norma di legge, qualcuno li ha gettati in località Maginot a pochi metri dal fiume Po tra Monticelli e Castelvetro.

Risalire all’autore del gesto incivile è quasi impossibile, ma nel caso si riuscisse rischia grosso: oltre a farsi carico delle spese di smaltimento (compiuto da ditte specializzate) sarebbe indagato per abbandono di rifiuti pericolosi, reato che prevede l’arresto da sei mesi a due anni e sanzioni fino a 30mila euro. Nulla in confronto al rischio per la salute al quale, come sottolineato dal sindaco di Monticelli Michele Sfriso, si è già sottoposto spezzettando il materiale: l’amianto è pericoloso proprio quando viene sbriciolato perché le fibre, visibili ad occhio nudo in alcuni dei sacchi ispezionati, se respirate possono provocare carcinoma polmonare, fibrosi polmonare e mesotelioma. Da sottolineare che a poca distanza dai sacchi di eternit si trovano rifiuti di vario genere, persino un televisore, che pur essendo altrettanto fastidiosi rappresentano di certo un minor pericolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

13 Agosto 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000