il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


LA TRAGEDIA A RIO MARINA

Annega di fronte agli amici cremonesi

A quanto pare l'uomo si è tuffato per recuperare il cappello caduto in acqua

Annega di fronte agli amici cremonesi
Un 50enne è morto nel pomeriggio dopo avere accusato un malore in acqua a largo di Rio Marina (Livorno), all'Isola
d'Elba. Secondo quanto si è appreso, l'uomo, originario di Cremona, era insieme ad altre tre persone, tutte di Cremona, a
bordo di una piccola imbarcazione a vela in navigazione al traverso di Punta Cavo quando una raffica di vento gli ha fatto
volare in mare il cappello: lui si è tuffato ma poco dopo ha accusato un malore in acqua.
 L'uomo infatti non è riuscito a raggiungerlo subito anche a causa della forte corrente marina che lo ha trasportato sempre
più a largo. A quel punto mentre nuotava, l'uomo ha perso le forze e a nulla è servito anche i soccorsi prestati da alcune
persone che si trovavano su un gommone nella zona. Issato a bordo del gommone e portato rapidamente in banchina a
Rio Marina l'uomo è giunto già privo di coscienza e a nulla sono servite anche le pratiche rianimatorie prestategli sul
posto dal personale del 118: dopo ripetuti tentativi il medico non ha potuto far altro che constatarne il decesso. 
Mauro Duranti, 50enne bresciano,residente a Nuvolento, è morto nel pomeriggio dopo avere accusato un malore in acqua a largo di Rio Marina (Livorno), all'Isola d'Elba. L'uomo era insieme ad altre tre persone, tutte di Cremona, a bordo di una piccola imbarcazione a vela in navigazione al traverso di Punta Cavo quando una raffica di vento gli ha fatto volare in mare il cappello: lui si è tuffato, ma poco dopo ha accusato un malore in acqua. L'uomo è stato ostacolato dalla forte corrente marina che lo ha trasportato sempre più al largo. Mentre nuotava, il 50enne ha perso le forze e a nulla sono serviti i soccorsi prestati da alcune persone che si trovavano su un gommone nella zona. Issato a bordo del natante e portato rapidamente in banchina a Rio Marina, l'uomo è giunto già privo di coscienza. Vane le pratiche rianimatorie prestate sul posto dal personale del 118: dopo ripetuti tentativi, il medico non ha potuto far altro che constatare il decesso.

09 Agosto 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000