il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


PER IL 33ENNE PENA SOSPESA: E' GIA' LIBERO

Picchia a sangue la fidanzata, condannato a quattro mesi

Dopo un diverbio presa a calci e pugni e abbandonata sul selciato: 25 giorni di prognosi

Picchia a sangue la fidanzata, condannato a quattro mesi

SOSPIRO - Picchia a sangue la fidanzata in mezzo alla strada e dopo il raptus violento viene arrestato dai carabinieri. E’ successo martedì sera in via Mazzini a San Salvatore, dove un 33enne del paese ha avuto un diverbio con la sua ragazza, una 31enne di Grumello, e dopo le parole è passato alle mani, sferrando calci e pugni e ferendo la donna in modo serio.

In seguito ai colpi subiti, infatti, la 31enne è stata soccorsa dagli operatori del 118 e trasportata all’ospedale Maggiore di Cremona con una frattura al setto nasale e altri traumi: la prognosi è di 25 giorni. L’uomo, invece, dopo il pestaggio ha lasciato la fidanzata sull’asfalto ed è rientrato a casa, ma poi sono intervenuti i carabinieri e per lui sono scattate le manette. Rinchiuso in una camera di sicurezza a Casalmaggiore, questa mattina è stato processato per direttissima: quattro mesi la condanna. La pena è stata sospesa: l'uomo è già in libertà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

08 Agosto 2013

Commenti all'articolo

  • Alessandro

    2013/08/14 - 16:04

    Cara Sonia, sono un avvocato di Brescia. Non riesco più a sopportare queste violenze inaudite sulle donne. Non cerco pubblicità, non mi interessa. Vorrei mettere a disposizione le mie abilità professionali gratuitamente e in forma anonima, a tutte quelle donne che si ritrovano a combattere da sole, contro questi demoni maschili.

    Rispondi

  • Franco

    2013/08/08 - 14:02

    Cara Sonia, questi "cosi" non sono paragonabili nemmeno a un animale. Per me merita più rispetto uno scarafaggio.... si spera solo che tutto il male che fanno gli si ritorca contro. In bocca al lupo a quella ragazza.

    Rispondi

  • SONIA

    2013/08/08 - 00:12

    speriamo che le porte del carcere comincino ad aprirsi per questi " soggetti" non persone!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000